Santa Tecla 2014: giù il sipario tra gli applausi

0
155

Foto di Arianna Ferraretto
Foto di Arianna Ferraretto

Si è conclusa domenica sera con un bagno di folla l’ottava edizione del Torneo Santa Tecla, promosso dalla Pallacanestro Redentore. Per tre giorni (due in realtà, visto che sabato il maltempo ha costretto la competizione a trasferirsi momentaneamente presso le palestre del Patronato Redentore e dell’Itis Euganeo) Piazza Maggiore a Este si è trasformata nel punto di incontro tra grandi e piccoli, agonismo e sano divertimento. 
Foto di redazione
Foto di redazione

Una quarantina le squadre e oltre seicento gli atleti in campo per una manifestazione dal format ormai consolidato, che ogni anno raccoglie adesioni da parte di diverse importanti realtà della zona e non solo (pensiamo per esempio al Quattro Torri Ferrara, ospite fisso da anni). L’occasione perfetta per portare il basket in mezzo alla gente, come auspicavano gli organizzatori, e far conoscere uno degli sport nel nostro Paese considerati “minori”.
Foto di redazione
Foto di redazione

Dopo due giorni dedicati alle giovanili, domenica i protagonisti sono stati soprattutto i bambini delle annate 2005-2006, guidati da coach Flavio Belcaro, e delle annate 2007, 2008 e 2009 agli ordini di coach Cristiano Marchesi. In seguito spazio ai ragazzi del Girotondo di Monselice, onlus di volontariato sociale, che hanno affrontato una selezione del Redentore composta da atleti di tutte le età. Una sfida seguita con grande calore e affetto da tutto il pubblico presente.
samsung 063
Foto di redazione

A chiudere in bellezza il torneo Santa Tecla sono state invece le finali Under 19: Porto Tolle e Lendinara a contendersi l’ultimo gradino del podio, Redentore e Montagnana a giocarsela per il primo posto. Quest’ultimo incontro in particolare è stato tra i migliori quanto a tasso tecnico e gioco espresso in campo: dopo un avvio equilibrato, gli ospiti hanno gradualmente preso il largo toccando anche le 20 lunghezze di vantaggio. Nei minuti conclusivi i padroni di casa con orgoglio hanno accorciato le distanze, senza comunque mai impensierire gli avversari. 70-58 il risultato.

Davide Permunian