Riapre la Biblioteca Comunale di San Pietro Viminario: domani l’inaugurazione

321
(Foto di repertorio. Fonte immagine: www.picchionews.it)
(Foto di repertorio. Fonte immagine: www.picchionews.it)

A seguito di un lungo periodo di inattività, a San Pietro Viminario sabato 10 ottobre alle ore 11.00 ci sarà l’inaugurazione della Biblioteca Comunale che riapre ufficialmente al pubblico. La riapertura al pubblico è stata resa possibile grazie ad una sinergia instauratasi tra il Comune di San Pietro Viminario e la cooperativa MammeInsieme di Monselice. L’inaugurazione avrà inizio con i saluti del sindaco Federico Curzio, a cui faranno seguito la presentazione dei servizi offerti dalla biblioteca e il programma culturale-sociale “Simposio” che verrà attivato nei prossimi mesi.

Il progetto Simposio è un pensatoio innovativo di sociologia familiare che come obiettivo si pone quello di costituire una rete di imprese, famiglie, associazioni presenti sul territorio che saranno in grado di interagire tra loro in modo innovativo inventando e sperimentando nuovi strumenti family friendly. Questi strumenti verranno collaudati e verificati in modo da poter diffondere in altri territori le buone pratiche e avviare uno o più gruppi di invenzione che si auto-sostengano. Il progetto Simposio intende instaurare un canale diretto di contatto con almeno metà delle associazioni locali che si dedicano direttamente o indirettamente alla conciliazione famiglia-lavoro in modo da svolgere un lavoro sinergico e mirato.

La Biblioteca Comunale aprirà nei seguenti orari: martedì 15.30-19.30, mercoledì 15.30-19.30 e sabato 9.00-13.00. L’iscrizione ed il servizio di prestito dei libri a domicilio sono gratuiti. Per iscriversi è sufficiente portare la tessera sanitaria completa di codice fiscale; e per i minori è obbligatorio l’accompagnamento di un genitore. Di progetti in cantiere la biblioteca ne ha molti, tra i quali un progetto di lettura ai bambini di nazionalità straniera con lo scopo di aiutarli a prendere confidenza con la lingua, favorendo così l’integrazione.

Salva Articolo

Lascia un commento