Palio dei 10 Comuni 2014: Megliadino San Fidenzio vince la corsa, Casale di Scodosia riceve un riconoscimento speciale

0
187
Fonte immagine: legnanonews.com
Fonte immagine: legnanonews.com

Il Palio dei 10 Comuni non ha deluso di certo le attese di chi ha assistito: una gara emozionante, che ha tenuto con il fiato sospeso fino all’ultimo secondo.

Molte novità hanno animato il centro storico di Montagnana, tra le quali tenzoni che ormai non si disputavano da anni. Un esempio è il tiro alla fune: Santa Margherita d’Adige è stata battuta da Masi grazie al quartetto composto da Marco Bonaldo, Emanuele Darù, Filippo Demarchi e Filippo Milan. Inoltre è stato consegnato un premio speciale, per la prima volta, al comitato locale che più si è preoccupato di curare il comportamento e il portamento dei figuranti. La menzione va al comune di Casale di Scodosia.

Altro particolare omaggio è andato a Carlo Gaiofatto, istruttore dei musici e sbandieratori di Santa Margherita d’Adige. Questa cittadina aveva già trionfato nella tenzone degli arcieri, grazie ai portacolori grigiorossi Giovanni Ferrazzi e Ilaria Lubiana. Secondo posto per Megliadino San Vitale e terzo per Casale di Scodosia.

La nuova tenzone dei balestrieri è stata invece vinta da Montagnana con Niccolò Alessandri di Voghiera (Ferrara), seguito da Urbana e Saletto. Il primo posto nella gara di braccio di ferro è stato invece diviso tra Emanuele Darù di Masi, Daniele Sebben di Urbana, Andrea Scapin di Montagnana e Federico Zanellato di Saletto, tutti a pari merito.

Il gruppo di Musici e Sbandieratori di Città Murata ha invece vinto la gara senior, aggiudicandosi i premi per coppia, piccola squadra, grande squadra e musici. Il miglior singolo è stato invece quello di Thomas Braggion di Megliadino San Vitale. Tra gli atleti under 15 il maggior numero di vittorie va a Merlara (7 ori), davanti a Megliadino San Vitale (5 vittorie) e Santa Margherita d’Adige (3 ori). Infine sono stati premiati anche i vincitori delle varie tenzoni che si sono disputate nelle scorse settimane.

Pamela Cogato