Notte Europea dei Ricercatori: scienza protagonista anche a Padova

0
174
little_girl_telescope_big
(foto da europa.eu/researchersnight)

Si celebra oggi la Notte Europea dei Ricercatori, la manifestazione promossa dall’Unione Europea che si svolge ogni anno il quarto venerdì di Settembre simultaneamente in centinaia di città europee, sedi di centri di ricerca o atenei. Una sorta di “opening night”, giunta alla nona edizione, nella quale i ricercatori incontrano i cittadini per divulgare la cultura scientifica e far conoscere da vicino le professioni legate alla ricerca. Un modo informale e coinvolgente per raccontare la scienza, al quale aderiscono, nel centesimo anniversario della morte di Giuseppe Mercalli, 23 città italiane, tra le quali, anche quest’anno, Padova.

Per le strade dell’università patavina si potrà approfittare delle visite guidate, tra le altre, a palazzo Bo e al Teatro anatomico, al museo di Scienze archeologiche e d’arte, a quello di Storia della fisica o a quello vivente degli insetti Esapolis; sarà inoltre possibile partecipare alle conferenze divulgative a Palazzo Bo, al Caffè scienza al Pedrocchi, o agli incontri con gli astronomi alla Specola, dove sarà possibile anche osservare il cielo in collegamento con i telescopi di Asiago e prendere parte agli aperitivi astro-tecnologici Speed Geeking.

(foto da europa.eu/researchersnight)
(foto da europa.eu/researchersnight)

I diversi dipartimenti, poi, guideranno i visitatori alla scoperta dei più interessanti argomenti di ricerca che toccano anche la vita quotidiana con tanti mini laboratori: si potrà generare un modello 3D di se stessi, vedere come un pianoforte può “suonare da solo”, imparare nuove tecniche di memorizzazione, partecipare a esperimenti e simulazioni. Una mostra fotografica sul Vajont, inoltre, sarà visitabile al dipartimento di Geoscienze (in via Gradenigo 6) da lunedì 22 a venerdì 26, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Luca Bernardini