Giornata della Memoria, gli appuntamenti nella Bassa

In questo fine settimana dedicato al ricordo sono numerose le iniziative pensate per non dimenticare, dai concerti alle proiezioni di film fino ai racconti di vita vissuta

851

Auschwitz Giornata della Memoria

GIORNATA DELLA MEMORIA. Venerdì mattina in Piazza Maggiore a Este verrà omaggiata la targa al ricordo delle vittime di persecuzioni razziali Anna ed Emma Ascoli Zevi. Alle 10.30 sarà, poi, inaugurata alla Pescheria Vecchia la mostra fotografica, documentaria e multimediale sulla Shoah a cura di Gabriele Toso. Per l’occasione sarà presente il prof. Giorgio Romanin Jacur, in rappresentanza della Comunità Ebraica di Padova. Gli studenti delle scuole potranno portare i loro lavori sul tema.

A Monselice le commemorazioni iniziano sabato, dalle ore 10 al Museo San Paolo, con le visite guidate alla scoperta di grandi immagini relative alla Shoah e delle giovani vittime monselicensi nei campi di concentramento. Nel pomeriggio verrà deposta una corona sul monumento a ricordo dei monselicensi uccisi nei campi di concentramento e al cippo di Ida Lenti, Giusta tra le Nazioni. Alle ore 16, nella Sala della Buonamorte del Museo San Paolo, andrà in scena un monologo teatrale sulla vicenda di Ida Lenti, accompagnato dalla musica. Interverrà anche un gruppo di studenti della scuola secondaria di primo grado “Zanellato”.

A Vo’ c’è la mostra fotografica “Auschwitz – Wahrheit macht frei – La verità rende liberi”, inaugurata lo scorso 14 gennaio. Attraverso le immagini in bianco e nero dei deportati, gli autori Elisa Mortin e Giancarlo Soncin hanno voluto dare ulteriore prova della tragicità di questo evento storico. Sabato 27, a partire dalle 10 di mattina, si svolgerà la cerimonia all’esterno di Villa Contarini Giovanelli Venier, di fronte alla lapide commemorativa, voluta e organizzata dall’Amministrazione in collaborazione con CreatiVo’.

Venerdì la biblioteca di Battaglia Terme ospiterà “Gli ebrei e la cittadinanza, una lezione per il presente”, in cui il giornalista Francesco Jori dialoga con Antonio Da Re, docente di bioetica e filosofia morale all’Università di Padova. Al centro dell’incontro anche le letture di brani sulla memoria di Elie Wiesel, David Grossman e Simone Weil. Appuntamento alle 20.45.

Abano Terme invece dedicherà a questo giorno la proiezione del film “Una volta nella vita” di Marie-Castille Mention-Schaar dalle 17.15 a Villa Bassi. Le iniziative proseguiranno anche nelle settimane successive prima con l’incontro, sempre in Villa, con Mair Bahad che racconterà la storia dell’esperienza del padre nel campo di concentramento di Ferramonti. Il 20 febbraio, poi, al Teatro Polivalente Deborah Muscaritolo presenterà il suo libro “All’alba saremo liberi”, accompagnata da attori che reciteranno i brani più significativi.

Sabato 27 gennaio ad Albignasego, dalle 21 in Villa Obizzi, “Un clarinetto nel lager”. La conferenza in musica, attraverso la voce del prof. Patrizio Zanella, ripercorre la storia di Aldo Valerio Cacco, giovane soldato di Vigonza internato in un lager nazista dopo l’8 settembre 1943 e che si è salvato grazie al suo clarinetto. Ad accompagnare la voce ci saranno il clarinetto di Daniele Trincanato, diretto da Fabrizio Castania, il Silver Quartet e il coro “Città di Albignasego” con la guida di Matteo Ferrara.

Salva Articolo

Lascia un commento