“Domani, ora”: tutto pronto per TEDxPadova 2017

Conferenza al Verdi e Innovation Hall al Bo: TEDxPadova quest'anno raddoppia. Sabato 13 maggio 2017 Padova diverrà teatro di "Domani, ora"

1121

PADOVA. «Vogliamo spalancare occhi e menti sulle più innovative realtà del presente – spiega il licensee del TEDxPadova Carlo Pasqualetto – utilizzando la fantasia, la competenza, l’ingegno che già oggi è a nostra disposizione. E questa esperienza vogliamo condividerla con tutta la città».

Domani, ora. È arrivato il tempo della condivisione di idee e valori, è tempo di TEDxPadova. Inserito nella cornice del centro storico patavino, sabato 13 maggio andrà in scena la quarta edizione di TEDxPadova, l’officina dell’innovazione che con un vero e proprio laboratorio a cielo aperto permetterà a Padova di conoscere e toccare con mano le più straordinarie idee che aiuteranno a realizzare il nostro domani. E come pensare al futuro senza interpellare i giovani? Per l’edizione targata 2017, infatti, TEDxPadova è stato affiancato dall’Università patavina che, oltre ad essere ente promotore della manifestazione, ha deciso di apportare un contributo tangibile alla realizzazione della conferenza.

«Quest’anno vogliamo parlare del tempo – precisa ancora Pasqualetto -. Tempo che scorre, tempo che cambia, tempo da afferrare al volo per spingersi oltre». Tenendo a mente questo scopo, sabato andrà in scena un doppio appuntamento: il primo si terrà al Teatro Verdi, il secondo nei cortili universitari. Con scenario il Verdi – che accoglierà 700 ospiti – prenderà vita uno scambio di ideali e valori attraverso le parole di quindici speakers, i quali accompagneranno il pubblico oltre il confine dell’immaginabile parlando di scienza, mineralogia, tecnologia, medicina, arte, cibo e musica. Contemporaneamente alla conferenza, lo storico Palazzo Bo verrà animato dall’Innovation Hall, una fiera riservata all’innovazione, alla tecnologia, alla ricerca e alla sperimentazione che le più brillanti aziende del territorio stanno ora mettendo in pratica, immaginando e realizzando quel che domani entrerà a far parte della nostra vita quotidiana. Sarà perciò possibile curiosare tra gli stand delle aziende, avvicinarsi e toccare con mano ciò che è stato frutto di passione, idee e visioni. «Proprio lì, nei cortili del Bo, dove la ricerca è di casa, dove quotidianamente i confini vengono spostati un po’ più in là, grazie all’impegno dei docenti e alla tenacia di chi studia. Perché questo è il senso dell’Innovation Hall: varcare il limite del noto. Per lasciarsi sorprendere dalla curiosità».

Salva Articolo

Lascia un commento