Crescere un figlio oggi: nasce l’Associazione Genitori atestina

379

Quello del genitore è il lavoro più difficile del mondo, ancor più nella complessa società odierna. Ma è anche vero che “l’unione fa la forza”.

È da questi presupposti che nasce l’Age, l’Associazione Italiana Genitori, una federazione di oltre duecento associazioni locali, la cui opera si concentra prevalentemente nella formazione dei genitori, negli organismi di partecipazione scolastica, nelle politiche della famiglia, con il fine di promuovere quanto è necessario per il bene dei figli sotto ogni profilo (sociale, etico, culturale, fisico, psicologico…) e sostenere i genitori nel loro compito educativo.

agest2

Dal 1 Settembre 2014 è stata costituita anche la sezione atestina, su iniziativa di un gruppo di genitori disposti a mettere a disposizione gratuitamente il proprio tempo e la propria sensibilità educativa.
Venerdì 10 Ottobre si è tenuto, presso l’Auditorium della Scuola Secondaria Zanchi di Este, un incontro aperto a tutti in cui la neonata Age atestina si è presentata e ha esposto le intenzioni che la guideranno in questo suo primo anno di vita. A prendere la parola per prima è stata la Dott.sa Morato, preside dell’istituto scolastico ospitante, che ha sottolineato come la scuola non sia l’unico luogo di formazione dei ragazzi. Da qui la necessità di un’alleanza educativa di ampio raggio. È seguito l’Assessore alle Politiche Giovanili Silvia Ruzzon, che ha lodato l’iniziativa, dimostrazione di come la comunità desideri farsi carico delle nuove generazioni.

A rappresentare l’Associazione Nazionale è stata la Dott.sa Chiara Crivelli, Presidente di Age Veneto. Punto nodale del suo intervento è stata la novità di proporsi come genitori consapevoli dell’importanza dell’educazione dei propri figli, che ha definito come una sorta di “genitorialità sociale”. Stefano Acciaioli, portavoce del direttivo dell’Age atestina ha invece illustrato quella che vuole essere l’idea base dell’associazione, ossia l’incontro tra genitori al fine di soddisfare l’esigenza di accrescere la propria competenza formativa: “Vogliamo essere un movimento che parla ai genitori con il linguaggio dei genitori.” Inoltre sono state presentati i primi due progetti che verranno proposti: una campagna informativa riguardi i BES/DSA, i cosiddetti disturbi dell’apprendimento, e uno spazio ascolto per ragazzi e genitori.

Il momento più interessante della serata è stato forse però la parte finale, dedicata alle domande dei presenti, perché di fronte all’emergere di alcune questioni e proposte da parte degli ascoltatori, l’Age ha potuto dimostrare quello che potrebbe essere il proprio ruolo, ovvero dare una risposta attiva a tali istanze tramite progetti concreti.

L’incontro si ripeterà, con modalità essenzialmente analoghe, Venerdì 17 Ottobre presso la Sala Polifunzionale della scuola Collodi di Ponso alle ore 21.00.

Salva Articolo

Lascia un commento