Tappa al Manfredini di Este per la “Settimana dell’Artigianato”

Ottanta gli studenti coinvolti nel dibattito a tema innovazione che ha visto protagonisti Massimo Morbiato di Ezlab e Paolo Giacon di Upa Formazione

342

ESTE. Tappa atestina all’istituto salesiano Manfredini, questa mattina, per la “Settimana dell’artigianato” organizzata da Confartigianato Padova. Relatori della mattinata, che ha coinvolto una ottantina di studenti, l’imprenditore Massimo Morbiato, fondatore di Ezlab, innovatore del settore dell’ibridazione tra produzioni agricole e le tecnologie dell’economia 4.0 e Paolo Giacon, amministratore delegato di Upa Formazione. A moderare l’incontro Carlo Dall’Aglio, presidente del Sistema di Categoria Comunicazione di Confartigianato Padova. “A scuola di innovazione. Esperienze, idee e strumenti per fare impresa” il tema dell’incontro. Particolarmente apprezzata dagli studenti la relazione di Massimo Morbiato, fondatore di una realtà aziendale che sta avendo sviluppo a livello mondiale, con premi e finanziamenti a livello nazionale e internazionale, e partnership che vanno dalla Silicon Valley alla Scandinavia.

«L’unica maniera per avere successo è avere il coraggio di sbagliare e fallire – ha spiegato Massimo Morbiato – io ho costellato la mia attività di progetti bellissimi, dal punto di vista tecnico, ma alcune volte fallimentari dal punto di vista commerciale, fino a quando insieme con i miei collaboratori non sono riuscito a imparare dagli errori fatti e aggiungere valore ad ogni frase dei prodotti e servizi prodotti». L’accento sul merito lo ha posto invece Paolo Giacon: «Abbiamo cercato di trasmettere ai ragazzi il concetto che il mondo del lavoro non è una democrazia – ha sottolineato l’amministratore delegato di Upa Formazione – ma vige invece il merito: l’azienda è un luogo dove l’impegno e la competenza vengono premiati. Quindi per avere successo occorre puntare su questi due cardini».

Salva Articolo

Lascia un commento