Paolini già sold out: al via stagione teatrale piovese

386
12112078_1605808296332636_1352163781786755214_n
(Foto: scatolaemozionale.blogspot.com)

Giovedì 19 dicembre 2015 Marco Paolini aprirà la stagione del Teatro Filarmonico di Piove di Sacco con il suo “Numero Primo”. Nell’ambito della rassegna “Doppio sguardo” l’artista porterà in scena il primo studio di uno spettacolo che riprenderà i fili di un racconto a puntate, cominciato con Adriatico e proseguito con altri importanti titoli quali Aprile ’74 e 75 e Miserabili. Paolini (aiutato nella scrittura del testo da Gianfranco Bettin) cercherà di rappresentare la vita genitoriale parlando anche di quanto la tecnologia e l’innovazione stiano influenzando il vivere moderno. Roberto Abbiati curerà la scenografia. Si parte quindi subito con un sold out: i biglietti per lo spettacolo “Numero Primo” sono terminati pochissimi minuti dopo l’apertura delle biglietterie.

Domenica 22 novembre alle ore 16.00 comincia anche “Domeniche a teatro“, una serie di spettacoli dedicati ai ragazzi (e non solo) che aprirà le danze con “Il giro del mondo in 80 giorni“: la storia di un londinese e il suo cameriere francese che cercano di circumnavigare il globo in 80 giorni utilizzando ogni mezzo loro disponibile.

Per tutti gli spettacoli di Doppio sguardo e Domeniche a teatro è possibile la prevendita online dei biglietti dal Circuito www.vivaticket.it (sull’acquisto verrà applicato il diritto di prevendita).

I prossimi appuntamenti sono:

Mercoledì 2 dicembre 2015, ore 21.15

Giuliana Musso, Antonella Questa e Marta Cuscunà

WONDER WOMAN

Domenica 13 dicembre 2015, ore 16.00

Stilema/Unoteatro
QUANDO ARRIVA NATALE?

Salva Articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteStrage di Parigi, fiaccolata ad Arzergrande
Prossimo articoloIsis, è la guerra la soluzione?
Marco Bastianello
Durante il giorno sono uno studente di Giurisprudenza, mentre alla notte mi rifugio al cinema, tra pellicole da trasportare e proiezioni da compiere. Le mie giornate sono condite da libri strappati e una chitarra costantemente scordata, ma soprattutto, sono intrise di parole: cantate, scritte, sussurrate.

Lascia un commento