sabato 4 Aprile 2020
Home Cultura LETTERATURA - Satana: eroe o apostata? Milton e il suo Paradiso Perduto

LETTERATURA – Satana: eroe o apostata? Milton e il suo Paradiso Perduto

lucifero111ns8ml8

So nice of you to speak of me   È così carino da parte tua parlare di me,

Your closest friend and enemy  Tuo amico più intimo e tuo nemico

An only savior of masochists     Santo Salvatore dei masochisti

Well it’s the dead end slave        Beh è la morte a porre fine alla schiavitù

From the alter to the grave         Dall’altare alla tomba

It’s the last days of our life          Sono gli ultimi giorni della nostra vita

The faith of men                          La fede degli uomini

Time, its been so long                                       È passato così tanto tempo

And now there’s nothing to say                         E adesso non c’è più nulla da dire

I’m trying so hard to find the words to say       Con difficoltà sto cercando le parole per dire

I’m tired of being, now I’m something I’m not   Che sono stanco di essere qualcosa che non sono

I can’t believe and I never thought                   Non posso credere e non avrei mai pensato

Days would come to an end                             Che i giorni sarebbero giunti alla fine

Well maybe someday we’ll meet again            Forse un giorno ci rivedremo ancora

If ever that day never comes                            Se quel giorno non arriverà mai

It would be too soon                                         Sarà troppo presto

My love.                                                             Amor mio.

Sum 41, Speak of the Devil

Chi sa dirmi qual è, secondo la mitologia biblica, il primo evento di cui si ha memoria? Per tutti quelli di voi che hanno risposto la Creazione dell’universo sappiate che avete sbagliato: il primo evento narrato non è la nascita del mondo a opera del buon Dio, ma la Guerra!

Una guerra sanguinosa e cruenta che che scisse in due fazioni gli angeli, quando Lucifero, l’Astro del Mattino, trascinò un terzo delle schiere angeliche nella sua folle rivolta contro Dio.

Per secoli durante tutto il Medioevo la Chiesa utilizzò questo mito per instillare la paura del diavolo nel cuore degli uomini, ponendo l’accento sulla pazzia di Lucifero, che tradì un dio misericordioso e giusto nel tentativo di guadagnare il potere per sé.

Poi nel 1667, arrivò un tale di nome John Milton, e tutto cambiò!

Milton rivalutò completamente la figura di Lucifero, tanto che William Blake, poeta ottocentesco, dichiarò “ quest’uomo stava dalla parte del diavolo senza saperlo”.

Satana  da apostata ribelle divenne quindi eroe liberatore, ponendo di fatto le basi per lo sviluppo del luciferismo (movimento culturale che prese piede nel 1800, in concomitanza con il romanticismo, che finì con l’assorbirlo).

Nel suo poema, “Paradise Lost”, Milton narrò gli eventi della guerra nell’Alto, della Caduta degli angeli ribelli e della tentazione di Adamo ed Eva nell’Eden; ma, evento rivoluzionario rispetto al passato, il protagonista fu proprio il Principe delle Tenebre! Lucifero divenne la voce che per prima ebbe il coraggio di ribellarsi alla tirannia, coinvolgendo non solo gli angeli, ma anche la razza umana nel suo progetto; l’uomo infatti era assoggettato al volere divino, ma privo del sapere che lo distingue dagli animali, mangiando del Frutto della Conoscenza del Bene e del Male si emancipò dalla figura del Padre, acquisendo finalmente la vera libertà; significativi al riguardo sono questi pochi versi, usati anche come prefazione al Frankenstain di Shelly:

“Ti ho chiesto io, Artefice,

Di modellarmi uomo dalla mia creta?

Ti ho sollecitato io

A liberarmi dall’oscurità?”

Lucifero viene visto non come un traditore, ma come liberatore della razza umana, donandole la Conoscenza e la capacità di critica perfino nei confronti del suo creatore, apparendo come il titano Prometeo donò il fuoco agli uomini  venendo punito dagli dei per questo.

NOTA STORICA: Contemporaneo, collega e amico di Oliver Cromwell, che guidò la rivoluzione inglese del 1642, Milton trasse ispirazione dagli eventi della guerra civile per scrivere il suo poema, che appare come una metafora della rivolta inglese a un re distante e poco interessato ai suoi sudditi, proprio come il Padre appare freddo e distaccato sia nei confronti degli uomini che degli angeli; Lucifero potrebbe invece essere la personificazione dello stesso Cromwell: entrambi leader carismatici e forti guidarono una rivoluzione, e entrambi furono infine sopraffatti dal trionfo dell’assolutismo.

Andrea Pettenuzzo

Estensione
Estensione
Il laboratorio giovanile di informazione, formazione e azione della Bassa Padovana.

Non perderti le ultime notizie e i prossimi eventi. Iscriviti alla newsletter!

RESTA CONNESSO

13,354FansMi piace
1,929FollowerSegui

RICERCA ARTICOLI

  • Categorie

  • Autori