La tragedia di San Cosma diventa un cortometraggio

La vicenda risale alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando quattro ragazzi della frazione persero la vita giocando con le bombe che erano state ammassate nella scuola elementare

412
(La presentazione del progetto)

MONSELICE. La tragedia di San Cosma diventerà presto un cortometraggio che potrebbe anche essere presentato al Festival del Cinema di Venezia. Lo ha annunciato davanti ai cittadini della frazione l’assessore alla Cultura Gianni Mamprin, presentando il progetto assieme al direttore della biblioteca di Monselice Flaviano Rossetto, al regista Diego Loreggian (che con Alessandra Gonnella curerà il lavoro) e al maestro Andrea Ferrari (che si occuperà delle musiche). Le riprese dovrebbero partire ad aprile per concludersi a giugno e il casting si svolgerà sul territorio. Il costo dell’iniziativa, circa 15 mila euro, sarà sarà sostenuto da uno sponsor privato.

La vicenda in questione, che risale al 1945, è una pagina particolarmente dolorosa rimasta scolpita nella memoria degli anziani di San Cosma. Con la fine della Seconda Guerra Mondiale, le munizioni che erano state abbandonate in zona vennero ammassate dentro la scuola elementare della frazione. Lì però non erano affatto custodite, anzi, venivano regolarmente depredate da adulti, decisi a riutilizzarne i materiali, e dai ragazzi, che si divertivano a farle esplodere per gioco. Il 5 maggio qualcosa va storto: una bomba scoppia tra le mani di due giovanissimi, uccidendoli. Il 7 ottobre il drammatico copione si ripete e altri due perdono la vita allo stesso modo. Per ricordare questa storia è partita anche una raccolta firme a sostegno della proposta di intitolare un’aula della scuola alle quattro vittime.

Salva Articolo

Lascia un commento