“Intorno all’8 marzo”: a Este le donne protagoniste tra arte e letteratura

322
Contessa Ada D. Boldù
(La Contessa Ada D. Boldù)

E’ stata presentata questa mattina presso il municipio di Este “Intorno all’8 marzo”, rassegna di eventi organizzata dall’Assessorato alla Cultura e alle Pari Opportunità in collaborazione con l’associazione Villa Dolfin Boldù. La manifestazione, giunta ormai alla decima edizione, ha lo scopo di promuovere, in occasione della Festa della donna, un’ampia riflessione sul mondo femminile nelle sue più diverse sfaccettature.

L’offerta è particolarmente ricca e tutte le proposte hanno per protagoniste figure di donne legate alla cultura e alla storia recente: tra queste, per esempio, Isabella d’Este, grande collezionista di opere d’arte, Vivian Maier, straordinaria fotografa, l’attrice Silvana Mangano, un personaggio noto delle fiabe come Biancaneve e la coraggiosa Barbara, medico nella Germania dell’Est. Si comincia sabato 27 febbraio alle ore 17,30 in biblioteca, dove si celebrerà il decimo anniversario del cambio di sede. In quella circostanza la professoressa Liviana Gazzetta illustrerà il profilo biografico della contessa Ada Vicentini Dolfin Boldù e verrà inaugurata l’esposizione di incisioni della Donazione Turi Fedele, considerata già un cult dagli appassionati. La kermesse proseguirà poi per tutto il mese di marzo e di aprile, con cinque appuntamenti dedicati al cinema, tre al teatro, quattro alla letteratura e tre all’arte. Previsti anche una conferenza al Museo Nazionale Atestino e una mostra fotografica realizzata da quattro fotografe venete professioniste in collaborazione con la Scuola di fotografia di Padova, che sarà inaugurata domenica 28 febbraio alle ore 17 in Pescheria Vecchia e rimarrà aperta fino al 13 marzo.

“Dopo l’esperienza degli anni scorsi, che ha avuto l’attenzione e l’apprezzamento di molti, è venuto naturale continuare a percorrere questa strada di incontro, espressione e confronto” spiegano gli assessori Eleonora Florio e Silvia Ruzzon. Un’attenzione particolare è rivolta infine al tema della violenza di genere: “Vogliamo farci portavoce di un modo di rapportarsi alla donna non basato sulla forza e sulla brutalità, ma improntato al dialogo.

pieghevole sguardo al femminile 2016 - internoweb

Salva Articolo

CONDIVIDI
Articolo precedente“Masquerada”, festa veneziana al Mulino di Due Carrare
Prossimo articolo#Erasmus+, diario di viaggio: Day 2
Davide Permunian
Vicentino di nascita, atestino di adozione. Classe 1993, scrivo regolarmente da quando ho 11 anni e ho collaborato a diversi progetti giornalistici. Appassionato di politica, sport, paesaggi e romanzi gialli. Mi piace scoprire nuove storie e raccontarle, portando alla luce le tante sfumature della realtà.

Lascia un commento