GAMES & TECNOLOGIA – Esclusiva: Il cielo è più “Blue” con Windows 8.1

0
136

Windows-8.1-600x411

Si è fatto attendere non poco, tra critiche positive e negative, ha lasciato sbalorditi pochi e fatto arrabbiare molti, ma ora è qui. No, non stiamo parlando di un attore di Hollywood, stiamo parlando del più discusso e criticato sistema operativo di papà Bill: Windows 8, che si aggiorna e diventa Windows 8.1, nome in codice “Blue”.

Il 17 Ottobre di quest’anno, Microsoft ha rilasciato il suo primo aggiornamento gratuito a Windows 8. Tutti quelli che possiedono una copia originale ed attiva di Windows 8 possono aggiornare a 8.1 senza costi aggiuntivi, ma è anche possibile scaricare od acquistare direttamente da Microsoft l’aggiornamento. Questo perché Windows 8.1 non è solo un aggiornamento, ma anche un completo sistema operativo: può essere scaricato infatti come file ISO da masterizzare su DVD per un’installazione pulita. Ma diamo uno sguardo più da vicino questo “nuovo” OS ed alle sue nuove features.

La prima cosa che salta all’occhio è sicuramente la più importante e la più richiesta da tutti gli utenti che possiedono Windows 8: finalmente è tornato il tasto Start. La vita del tastino “Logo Windows” sulle nostre tastiere ha avuto vita breve, ma sicuramente intensa: si era trovata finalmente un’utilità a quel tasto, che ora ritorna ad essere solo un abbellimento per i computer con Windows. Cliccando quindi su di esso, si viene portati alla schermata di Start, rimasta invariata da 8, ma con varie aggiunte: i Live Tiles ora possono essere ridimensionati della grandezza che si desidera, da minuscolo quadratino ad enorme piastrella, le App hanno aggiornato la grafica e sono molto più reattive e veloci a partire. Inoltre, una piccola freccia che punta verso il basso ci indica la via per arrivare al menù delle applicazioni e programmi, grande comodità che velocizza il macchinoso procedimento in 8 (click col tasto destro per far apparire la barra delle opzioni, poi click su Tutte le App in basso a destra).

867942055813289

La personalizzazione a livello grafico è stata portata a livelli ancora più alti: ora si possono scegliere altri temi per la schermata di Start, nuovi colori e un sacco di sfumature degli stessi. In più, è stata aggiunta la possibilità di settare un’immagine personale come sfondo della schermata: insomma, 8.1 è un aggiornamento full optional.

Oltre alla parte grafica, è stata migliorata anche la parte tecnica: la velocità di accensione e spegnimento è sorprendente e la reattività del sistema è eccellente, anche se il caricamento da hard disk è diventato un po’ più lento, così come il trasferimento dati da supporti removibili. Blue purtroppo è ancora più pesante del predecessore, e l’hard disk ne risente di spazio: richiede infatti ben 16 giga per la versione 32 bit e 20 per la versione a 64 bit, quest’ultima ancora un po’ instabile in certi aspetti, per via di problematiche con i driver dei dispositivi. Ed è proprio la compatibilità il problema maggiore: molte applicazioni e molti programmi che prima andavano con Windows 7 e 8, ora non funzionano più, nemmeno facendole girare in versione compatibile o con i diritti d’amministratore.

Discorso a parte per il browser: Internet Explorer 11 ha fatto passi da gigante, migliorando la compatibilità con le pagine web e il linguaggio HTML5, ma tranquilli, resta sempre il più lento di tutti i browser internet. Esplora risorse non cambia, ne graficamente, ne tecnicamente: l’interfaccia intuitiva e immediata di Ribbon rimane invariata nel tempo.

Windows_8.1-Preview

Ricapitolando: Windows Blue si modifica nello stile, nell’aspetto, nella grafica, tecnicamente migliorato, ma ancora acerbo, anche se sotto la grafica batte il cuore di Windows 7. Ha tutte le potenzialità per divenire un sistema operativo rapido, sicuro ed intuitivo, grazie allo Stile Metro, già introdotto con Windows 8, leggero ed immediato, adatto anche a PC non touch (basta sapere usare un mouse, ed il gioco è fatto). Se avete intenzione di installarlo su computer più vecchi del 2010, non fatelo: potreste incorrere in problemi per reperire i driver adeguati. Infine, preferite l’aggiornamento da 8 piuttosto che l’installazione pulita, se non volete perdere tutti i vostri dati ed app.

Federico Prescianotto