FOLKLORE LOCALE – La giornata tipo della Redazione di Estensione

0
117

Logoestensione
Ore 7.00: la redazione si sveglia.
Ore 7.30: si alza anche Giulio. Non ha sentito la sveglia, ha perso il treno ed è arrivato in ritardo in redazione. Però ha fatto la formazione del Fantacalcio.
Ore 8.00: colazione di gruppo in bar. Dade Viulenz spiega al cameriere come fare le brioches, Baruch comincia a criticare la sfoglia troppo poco underground e butta merda sul locale.
Ore 9.00: tutti al lavoro, comincia la stesura degli articoli. Il Komandante Comandini entra in ufficio, dice “Buongiorno” e inclina leggermente la testa alla Giuliacci. Poi si gira verso Permu e gli fa il gesto dell’ombrello: oggi piove.
Ore 9.30: Ilenia telefona al sindaco, manda una mail a Letta, prende appuntamento da Napolitano e poi dà la conferma: alle 16 ha la parrucchiera.
Ore 10.00: Marta G. è presa da un attacco e dipinge Pette di rosa. Applausi generali.
Ore 11.00: blackout. Sara prende la chitarra, Prescia la tastiera: è l’ora dell’oroscopo. La maga Lucrezia estrae il telescopio, guarda il soffitto e prevede il record di visite per il numero odierno, tutto questo grazie all’incrocio tra Saturno, via Principe Amedeo e un dalmata. Vise commosso comincia a spammare su Facebook, Twitter, YouTube, YouPorn e sul profilo di Brente, Lucrezia indignata si licenzia e si riassume 4 volte in 10 minuti.
Ore 12.00: Permu inciampa su Marta A. e si rompe una caviglia. L’arbitro non vede volontarietà e lascia correre l’azione dicendo: “Avanzi, avanzi, si alzi Permunian!”.
Ore 13.00: pranzo. Cucina Dade Viulenz: Trava mangia leggero che c’ha un argomento musicale molto pesante da trattare, la Pitt rilegge 2 volte il menù e ne elogia i contenuti paragonandolo a una raccolta di poesie di Neruda, Giulio fa i conti del Fantacalcio.
Ore 14.00: pianti disperati dalla sezione Pallavolo: è Arianna che ha finito gli aggettivi per narrare le sconfitte del Redentore. Dalle sezioni Calcio Redentore e Calcio Este arrivano a supporto Vetto e Frank che li hanno esauriti nel 2008. Piange anche Giulio che al Fantacalcio ha fatto 65.
Ore 15.00: arriva finalmente Griga. Annuncia che Estensione è ora gemellata con l’Angolo Giro, con la parrocchia di Papozze, con la Juve, con l’Unicef e che chiacchierando con Obama ha quasi risolto la crisi in Siria. Il tutto mentre preparava l’esame di diritto privato. Testimoni lo davano invece a cazzeggio in biblioteca a Este.
Ore 15.30: Pette emerge dall’angolo fantasy della biblioteca ancora colorato di rosa.
Ore 16.00: anche oggi Sama non ha scritto nulla: il campionato di pallanuoto dell’Este inizia a novembre 2018. Sguardi d’invidia dalla sezione Attualità che non può nemmeno fermarsi per la merenda. Parrucchiera e tanti nuovi gossip per Ilenia.
Ore 16.30: piccolo briefing per definire gli ultimi dettagli. Permu appare in fondo al corridoio.
Ore 16.40: Permu è a metà del corridoio.
Ore 16.50: Permu è appena arrivato ma la riunione è già finita.
Ore 17.00: Prescia è costretto a scrivere un pezzo su Playstation e Xbox e scorreggia in segno di disapprovazione. Valeria sente ed esclama: “Ma questo è il peto più bello che abbia mai sentito!”. Poi cambia idea e dice: “Forse è il secondo!”, e ancora “Probabilmente è il terzo!”. Infine si decide: “Ci farò una classifica!”. Sarà l’articolo più letto della settimana.
Ore 18.00: manca solo un’ora all’uscita del numero. Nel frattempo Vise con la pubblicità ha scassato la minchia a tutta la provincia e tra poco viene bannato dall’UE. Permu, con la caviglia ingessata, per coprire i “buchi” dell’uscita odierna ha preparato 6 interviste, 3 sintesi di partite di basket, 2 racconti anonimi a puntate, 8 nuove rubriche, il pasticcio e la torta al cioccolato.
Ore 18.50: è tutto pronto. Giulio è in ritardo con l’articolo e chiede 10 minuti nella Stanza dello Spirito e del Tempo.
Ore 19.00: il numero viene finalmente pubblicato sul blog di WordPress. Ci sono alcune imperfezioni e Vise e Permu redarguiscono tutti su come va scritto il titolo, sull’uso delle virgole, dei tag, delle categorie, sperando che per la prossima volta tutti abbiano imparato. Illusi.
Ore 19.30: tutti incollati alle statistiche. Si superano le 1000 visite: in testa ovviamente la classifica di Valeria, ma ben messi anche gli altri articoli che sono tutti al secondo posto, a pari merito, a quota 0. Pette tenta il suicidio ma Marta A., da buona coccinella, lo convince a desistere. Baruch, colpito dall’evento, scrive una riflessione sulla vita, sulla morte e anche un poco sulla figa.
Ore 20.00: si cena. Griga esagera col vino e comincia a parlare dei suoi progetti: Este città a impatto zero, il ritorno del Festival Este, il nuovo stadio per il Milan, Trava nuovo presidente della Sony Music. Dopo l’ultima perla Sara gli sottrae strategicamente la bottiglia dalle mani.
Ore 21.00: foto di gruppo by Arianna Ferraretto. La Pitt pensa bene di usarla come immagine copertina su Facebook e di metterci una frase di Vasco Brondi: “che cazzo racconteremo ai nostri figli quando vedranno queste foto di merda?”.
Ore 22.00: si scopre che nel bicchiere di Griga c’era Coca Cola. Vetto, più emozionato del giorno in cui ha imparato a fare la cacca, lo abbraccia e gli chiede un nuovo stadio anche per l’Inter. Griga accetta a patto che i nerazzurri comprino Mexes dai cugini.
Ore 23.00: finisce la cena. Marta G. fa una scultura di 3 metri con i resti del cibo. Frank ammirato ci piazza una sciarpa giallorossa dell’Este attorno al collo.
Ore 0.00: tutti a letto. Pareri contrastanti sulla giornata: Giulio critica la sceneggiatura, Trava dà un 6.5 perché non è il suo genere, Pette dice che era comunque meglio la Rowling. L’Ilenia ha combinato un’intervista al postino del professore dell’ex compagno di classe di un’amica della sua parrucchiera ed è molto contenta perché è un pezzo grosso.
Ore 1.00: tutti dormono, ma Vise continua a condividere articoli e tenta di essere espatriato in Burkina Faso.
Ore 2.00: Permu, più triste di una che arriva seconda a Miss Italia, aggiorna le statistiche ogni 8 secondi, nella speranza di vedere il fatidico numero “1” nelle casella delle visite di almeno uno dei suoi articoli. Niente da fare. Ma domani è già un altro giorno per la redazione di Estensione…

Giacomo Visentin