lunedì 26 Agosto 2019
Home Cultura Flash-book mob ai giardini di Este: "I libri sono come la mente,...

Flash-book mob ai giardini di Este: “I libri sono come la mente, funzionano solo se li apri”

Invasione di cappellini gialli, questa mattina, presso i giardini pubblici di Este. Circa 90 bambini della scuola elementare “S.M. Pilastro”, insieme alle loro insegnanti, hanno realizzato il loro personale flash-book mob in occasione della Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore che si festeggia oggi, giovedì 23 aprile. Per l’occasione ogni bambino ha scelto il suo libro preferito e al segnale d’inizio i giardini pubblici si sono riempiti della voce dei piccoli lettori, assorti nella lettura dei loro amici libri. Il flashmob si è concluso con la frase scelta appositamente per questa giornata a livello nazionale “I libri sono come la mente, funzionano solo se li apri”.

IMG_5679
Bambini di prima elementare durante il flashmob

“E’ un’iniziativa che portiamo avanti già da qualche anno e che  speriamo diventi un evento fisso nella nostra scuola” ci racconta una delle insegnanti. E a differenza di quello che comunemente si pensa, in una società in cui sembra che la tecnologia sia sostituendo sempre più rapidamente il libro in “carta e ossa” è significativo vedere così tanti bambini immersi nella lettura e riuniti attorno ad un bene così prezioso. Mattia, quinta elementare, ci spiega “secondo me è importante leggere; non in tutto il mondo le persone possono leggere libri perché ci sono problemi economici oppure non c’è la possibilità di stamparli” e poi un’altra bambina che ci racconta di come le storie la facciano viaggiare con la mente, tanto da immedesimarsi nei personaggi e nelle loro vite. Ma non ci sono soltanto libri di avventura o d’amore, tra i 90 libri spicca anche un dizionario cinese-italiano, portato da Valentina, una bambina arrivata in Italia da pochi mesi.

IMG_5692
Gli alunni di quinta elementare

La mattinata è proseguita poi presso Villa Benvenuti, dove i bambini hanno potuto osservare le opere realizzate dal gruppo degli Scout di Este con i materiali recuperati dopo la tromba d’aria di ottobre. Tutte e cinque le classi elementari sono infatti coinvolte in un progetto che li vedrà vestire i panni di giovanissimi giornalisti allo scopo di raccontare attraverso video, immagini e vere e proprie opere d’arte realizzate dagli stessi, i danni causati dal fortunale ma allo stesso tempo dimostrare come sia possibile creare nuovi oggetti partendo da materiali inutilizzati. Il 7 maggio in Pescheria Vecchia saranno presentati tutti i lavori degli alunni e il loro primo telegiornale.

Lascia un commento

- Advertisment -

Da leggere

Incidente con cinghiale, come ottenere il risarcimento dei danni

Capita sempre più frequentemente di trovare dei cinghiali sulle strade del bacino dei Colli Euganei. La presenza di questi animali selvatici all’interno della carreggiata,...
bar-footer
bar-footer