CINEMA – L’uomo con i pugni di ferro (i pugni nelle mani)

0
174

uomo4

  • Regia: RZA
  • Sceneggiatura: RZA, Eli Roth
  • Cast: RZA, Rick Yune, Russell Crowe, Lucy Liù, Dave Batista, Byron Mann, Jamie Chung
  • Durata: 96 minuti
  • Anno: 2012
  • Genere: azione

TRAMA

Un ex schiavo americano (RZA) emigra nella Cina feudale, dove comincia a lavorare come fabbro per fabbricare armi per i vari clan che spadroneggiano sulla cittadina cinese Jungle Village. L’arrivo di un carico d’oro dal valore non immaginabile, fa precipitare le cose all’interno del paese e un clan prende il predominio e progetta il furto del carico. Sarà lo stesso fabbro, insieme a un inglese abile con il coltello (Crowe) e un cinese abile con le lame (Yune), a cercare di riportare la pace nel paese.

CRITICA

RZA fallisce il suo primo tentativo di regia in maniera piuttosto evidente e senza possibilità di salvezza (come il Pescara). Nel film ha voluto inserire i classici elementi pulp e quelli del cinema sulle arti marziali, ma oltre a non riuscire ad unire con armonia i due generi (come in “Kill Bill”) non è riuscito a farli decentemente che era la cosa più importante. Ma andiamo con ordine; partiamo dalla sceneggiatura: classica storia “made in china” con le classiche battute “made in Tarantino”, peccato che RZA non sia Quentin; la sceneggiatura risulta banale e mal strutturata, in alcuni punti vicina al kitsch, il mio cane neanche si sarebbe degnato d’annusarla, talmente puzza di fallimento cinematografico.

La caratteristica sulla quale il film avrebbe dovuto fare colpo sono le scene di lotta, ma il povero RZA ha ciccato anche questa possibilità, in quanto sono troppo veloci e si capisce veramente poco del combattimento.

Per quanto riguarda la recitazione ci sono due cose positive, cioè la bellissima Lucy Liù e l’irascibile Russell Crowe: i due attori hanno interpretato un personaggio in maniera più che decente, peccato per il loro copione alquanto scadente. Specularmente ai due attori buoni c’è ne sono due di basso livello che sono Batista e lo stesso RZA.

L’ex wrestler Batista ricopre un ruolo molto importante, e recita secondo le sue possibilità, quindi male (poverino).

Non so perché ma RZA ha avuto la brutta idea di darsi il ruolo di attore protagonista nel film, e non capisco perché nessuno gli abbia detto che ha una recitazione peggiore di una scimmia nel ruolo di una scimmia.

Ricapitoliamo: RZA ha fatto qualcosa di buona in questo film? Si, la colonna sonora; il rapper della “East Coast” ha prodotto dei veri e propri capolavori (come “Kill Bill” o “Ghost Dog”) e per il suo film non ha fatto eccezione. Io mi domando allora perché non sia rimasto insieme ai suoi “Fratelli-yo-bro” a rappare in santa pace.

VALUTAZIONE

Se avete voglia di divertirvi vi consiglio caldamente questo film, perché vedere Batista che cerca di recitare è più divertente di tutti i film di Leslie Nielsen messi assieme.

VOTO

4/5

CITAZIONI

“Ti trapanerò come ho trapanato la tua puttanella!”

“Porto sempre una pistola assieme al coltello”

Giulio Zancanella