CINEMA – Eroi del Cinema: Marcello Mastroianni

0
167

Bellantonio-1960-Mastroianni

Comincia oggi una nuova rubrica nella sezione dedicata al cinema all’interno di Estensione, la quale racconterà come e perché alcuni attori hanno influenzato la storia della settima arte.

Il primo personaggio di cui vi parlerò ha fatto innamorare milioni di donne e ragazze, ha lavorato con i migliori registi negli hanno ’60 e è stato fra gli attori italiani più famosi all’estero: Marcello Mastroianni.

Mastroianni nacque nel 1924 a Fontana Liri in provincia di Frosinone, cresce a Torino e si stabilizza all’età di 9 anni a Roma. Sin da giovane comincia a lavorare nel mondo del cinema come comparsa e successivamente  viene notato da Luchino visconti, il quale lo introduce nel mondo professionale del teatro e gli affida ruoli principali in alcune opere. Dopo aver girato molti ruoli di secondo piano, arriva il successo grazi al film del 1958 “I Soliti Sospetti” , capolavoro assoluto della commedia all’italiana, diretto da Mario Monicelli. Passano solo due anni e Mastroianni diviene un’icona grazie ad un capolavoro assoluto, cioè “La Dolce Vita” del Maestro Federico Fellini: l’interpretazione del giovane Mastroianni è sublime, i suoi sguardi e i suoi atteggiamenti hanno una profondità che va al di la della mera interpretazione attoriale e raggiunge livelli onirici, questo grazie anche alla regia perfetta. Nel 1961 lavora con Bolognini nel “Il Bell’Antonio”, il quale lo conferma, oltre che come attore d’infinite capacità, anche come “sex symbol” italiano. Nello stesso anno ottiene il ruolo in “Divorzio all’Italiana” del 1961, diretto da Pietro Germi e per la sua fantastica interpretazione, riceve la sua prima candidatura all’Oscar come migliore attore e il suo primo Golden Globe.

Ma è il 1963 l’anno che segna maggiormente la carriera di Mastroianni grazie a due film in particolare: “8 e ½” di Fellini e  “Ieri, Oggi, Domani” di Vittorio De Sica; per quanto riguarda il primo c’è solo da inchinarsi, infatti è considerato da tutta la critica una dei migliori film realizzati nella storia e merito della riuscita va alla perfetta simbiosi fra il Maestro riminese e il protagonista. Nel secondo film invece inizia il sodalizio artistico fra lui e Sophia Loren, che sarà fra i più produttivi a livello qualitativo di sempre.

La carriera di Mastroianni a questo punto decolla e diventa sempre più richiesto a livello internazionale, soprattutto in Europa e fino all’anno prima della sua morte (avvenuta a Parigi nel 1996) recita in almeno 2 film o più in un anno.

I suoi film più importanti sono: “I Soliti Ignoti”, “La Dolce Vita”, “Il Bell’Antonio”, “Divorzio all’Italiana”, “8 e ½”, “Ieri, Oggi, Domani”, “I Girasoli”, “La Cagna”, “Allonsafan”, “Todo Modo”, “La Città delle Donne”, “Il Volo”, “Ginger e Fred” e “Oci ciornie”.

SCENA STORICA

Ne “La Dolce Vita” il bagno dentro la fontana di Trevi insieme ad Anita Ekberg.

BATTUTA STORICA

“La Dolce Vita” :“Sei la madre, la sorella, l’amante, l’amica, l’angelo, il diavolo, la terra, la casa…Ecco che cosa sei: la casa!”

Giulio Zancanella