ARTE – Este…in mostra

0
204

IMG-20121222-00133

IMG-20121222-00134

Dall’8 Dicembre 2012 al 13 Gennaio 2013 in Pescheria Vecchia, Este propone la seconda edizione di “Este in presepi”, una mostra che ospita presepi provenienti da tutta Italia per tutto il periodo natalizio. All’interno sono esposte diverse tipologie di presepi da quelli tradizionali popolari  a quelli più particolari realizzati in pietra, ceramica, legno o con materiali riciclati. Le opere sono realizzate interamente a mano da artisti professionisti e non. Tra le tante opere, una che colpisce in modo particolare  è la “Natività secondo linea sette” del Sig. Zamara da Bolzano. E’ un presepe molto semplice non ricco di personaggi o dettagli, costituito solamente da Maria, Giuseppe e Gesù in laminato. Le linee essenziali  delle statuette lisce e lucide riportano alla mente i volti già noti della sacra famiglia, accerchiata da una serie di tubi laminati grigi, più alti nella parte posteriore  e decrescenti verso la parte anteriore di fronte al bambino Gesù, davanti al quale sono posti dei fiori colorati. La sintesi e l’estrema semplicità danno a questa opera un’aria di fascino e di contemporaneità in un periodo in cui il “lusso” anche nei presepi non è certo alla portata di tutti.

Come nella passata edizione, sono state coinvolte scuole e associazioni per la realizzazione di un presepe da esporre durante la mostra. Il presepe della “Casa delle Arti” ha coinvolto settantacinque bambini che, aiutati delle loro maestre, hanno composto un enorme presepe a muro con l’ utilizzo di materiali riciclati che loro stessi hanno raccolto. Al centro sono disegnati di profilo Gesù, Maria e Giuseppe, mentre tutto intorno alle loro teste si irradia via via un gigantesco arcobaleno costituito interamente da piccoli oggetti riciclati di diverso colore. Il risultato è un’ esplosione di colori e di vitalità, è la rappresentazione di un mondo di speranza, gioia, luce e pace visto con gli occhi dei bambini.

“La Noja” è un’ altra mostra allestita nella sala Delmo Veronese dal 19 al 23 Dicembre 2012. E’ realizzata dall’associazione “Giovani d’Este” sulla tematica della noia vissuta come riflessione sul valore del tempo da parte di vari artisti. Le opere esposte sono significativamente poche. Interessante invece è stata l’idea di consegnare ai visitatori all’entrata, un pieghevole con uno spazio bianco centrale in cui ognuno può scrivere o disegnare la sua interpretazione della  “noja”.

I “prodotti” realizzati vengono esposti in una bacheca accanto alle opere dei veri artisti. Il visitatore ha così l’opportunità di estrinsecare l’artista che è in lui facendo conoscere a tutti il suo punto di vista, qualunque esso sia.

Erica Perseghin