Abano, inaugurata la mostra “This is street photography” a Villa Bassi Rathgeb

417
(Foto di Giampaolo Romagnosi)
(Foto di Giampaolo Romagnosi)

Sabato 28 febbraio alle ore 18.30, presso la Villa Bassi Rathgeb di Abano Terme, ha avuto luogo l’inaugurazione della mostra fotografica “This is street photography. Respect others – no web – no flash!, progetto a cura del gruppo Mignon patrocinato dal Comune di Abano Terme. L’associazione Mignon, nata nel 1995 per mano dell’appassionato di fotografia Giampaolo Romagnosi, è un’associazione che fin dai primi anni di vita sperimenta la fotografia avendo padronanza della tecnica e conoscendo la storia della disciplina. La collaborazione tra il Comune di Abano  Terme e Mignon è ormai consolidata; il gruppo ha allestito la sua prima mostra nella cittadina termale più di due anni fa, con “8 per 8, otto autori per otto visioni” progetto dedicato al mondo femminile in occasione dell’8 marzo.

All’inaugurazione di sabato sono accorsi in moltissimi, esperti e non, per scoprire e ammirare le immagini in bianco e nero della fotografia di strada, arte che conosce la propria maturità tra gli anni ’30 e ’50 del secolo scorso negli Stati Uniti e in Europa durante il secondo dopoguerra, rendendo omaggio alla normalità degli uomini, catturati nella loro quotidianità. “This is street photography” mostra donne, uomini e bambini mentre passeggiano, tengono per mano la persona amata o, semplicemente, mentre leggono un libro al parco. Ci si potrebbe chiedere come mai, un tipo di fotografia che non segue regole precise sui soggetti o sui paesaggi stia al nome di street photography. A questa curiosità ha risposto Davide Scapin, componente di Mignon: “l’appellativo non vuole richiamare la strada come unico luogo oggetto di attenzione, qui la parola strada rappresenta il luogo pubblico per eccellenza; in questo senso la fotografia di strada ritrae le persone nel loro libero manifestarsi quotidiano”.

Questa mostra oltre che per far conoscere a quante più persone possibile il mondo della fotografia, nasce dal bisogno degli artisti di denunciare un modo sbagliato di intendere la street photography: una maniera di fotografare che non pone l’accento sull’uomo e la sua vita di tutti i giorni, ma piuttosto sul diverso, riportato in foto in chiave svilente. Opposta è la curiosità della fotografia di strada, che fa della consuetudine la ricerca dell’altro. Non solo il senso, ma anche il processo di creazione della foto, si è negli ultimi anni modificato: “il web è il luogo della velocità, della lettura delle immagini e delle informazioni, – spiega ai presenti Davide Scapin durante l’inaugurazione della mostra – ma non esprime l’essenza della fotografia, che richiede una messa a punto precisa dallo scatto alla stampa”.

“This is street photography. Respect others – no web – no flash!”, è una mostra da visitare. La passione per l’arte fotografica si percepisce in ognuna delle immagini; la fotografia dell’uomo e delle piccole cose suscita emozioni a cui spesso capita non fare caso. Le foto di Fatima Abbadi, Leonio Berto, Michelangelo Cao, Ferdinando Fasolo, Mauro Minotto, Giorgio Pandolfo, Giampaolo Romagnosi e Davide Scapin propongono uno sguardo consapevole sulla fotografia di strada.

 

Apertura mostra dal 1 al 15 marzo 2015

lunedì e giovedì: 9.00 – 13.00 e 14.30 – 17.30

martedì, mercoledì, venerdì: 9.00 – 13.00

sabato e domenica: 10.00 – 12.00 e 16.00 – 19.00

per info: www.mignon.it e www.abanoterme.net

Salva Articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteBrunori, tra teatro e canzone
Prossimo articoloMontagnana, infarto mentre fa motocross: muore imprenditore veronese
Cecilia Bacco
24 anni e infiniti pensieri che ogni giorno occupano la mia mente. Osservo ciò che accade intorno a me e lo faccio diventare una storia, immaginando che potrebbe succedere a quel tale sull'autobus. Raccontare è un privilegio, curiosare una passione.

Lascia un commento