Vendemmia da record per il Veneto

397
(Fonte: vinipraesidium.it)
(Fonte: vinipraesidium.it)

Lo scorso agosto, a Legnaro, sede di Veneto Agricoltura, la 41^ edizione delle “Previsioni Vendemmiali” aveva fatto presagire un’annata particolarmente interessante per la vendemmia, sensazione che l’AgenParl (Agenzia Parlamentare per l’informazione politica ed economica) ha ora finalmente confermato. In data 22 dicembre infatti, alla “Cantina dei Colli Berici” di Lonigo (Vi), Veneto Agricoltura, insieme a Regione Veneto e Avepa (Agenzia Veneta per i Pagamenti in Agricoltura) ha presentato il report consultivo relativo all’ultima vendemmia nel Trattato Vinicolo 2015, dal quale si evince una raccolta di 12,5 milioni di quintali di uva con dei proventi da esportazione di vino veneto per quasi 1,7 miliardi di euro, cifra che segna un notevolissimo aumento del 20% rispetto ai numeri dell’anno scorso.

La cifra desta ancor più scalpore se si pensa che la seconda regione più produttiva è il Piemonte, la quale ha segnato introiti pari “solamente” a meno di un miliardo di euro. I numeri presentati da Veneto Agricoltura dimostrano dunque ancora una volta come l’autunno sia una stagione d’oro per le colture venete, con la produzione che, rispetto al 2014 è aumentata anche in relazione al frumento, sia tenero che duro. Si dovrà aspettare ora la primavera per vedere se l’agricoltura veneta riuscirà a mantenere il trend o se, come capitato proprio quest’anno, la produzione si differenzierà per un importante calo. Fatto sta che se queste sono le cifre (e lo sono) nel complesso lo spettro di un’eventuale rallentamento della produzione in primavera non potrà non passare in secondo piano.

Salva Articolo

Lascia un commento