Un concorso di idee per far rinascere l’ex canonica di Marendole

Social hackathon sabato presso la sede del Progetto Giovani: in palio 1500 euro. L'assessore Parolo: vogliamo creare un centro di aggregazione e di socializzazione capace di autosostenersi

990
(Foto: Progetto Giovani)

MONSELICE. Far rinascere l’ex canonica di Marendole e trasformarla in un luogo che accolga i giovani dando loro modo di esprimersi e di realizzare attività a livello di volontariato o di impresa sociale. Con questo scopo sabato presso la sede del Progetto Giovani in via San Filippo Neri a Monselice si terrà il “social hackathon” lanciato dal Comune e dall’associazione Due Punti: una sorta di concorso di idee al quale potranno partecipare team composti da un minimo di tre a un massimo di cinque membri, anche misti tra frequentatori del percorso formativo “Capaci nel presente, proiettati nel futuro” e non.

La giornata inizierà alle 9 con il sopralluogo all’ex canonica e proseguirà con le varie fasi di elaborazione progettuale, fino ad arrivare nel tardo pomeriggio alla presentazione delle proposte formulate e alla premiazione. Il gruppo vincitore otterrà 1500 euro, cifra che servirà per sviluppare l’idea e per renderla sostenibile dal punto di vista economico. A formare la giuria saranno l’assessore alle Politiche Giovanili Andrea Parolo, il dirigente dell’Area Servizi alla Persona del Comune e vari rappresentanti di enti profit e no profit del territorio. Le attività ipotizzate dovranno contemplare l’apertura dell’edificio tutto l’anno ed essere adatte al contesto di Marendole.

«Si vuole rigenerare uno spazio importante oggi inutilizzato attraverso un percorso condiviso che favorisca anche la rivitalizzazione della frazione» spiega Parolo «Speriamo di riuscire a costituire un centro di aggregazione e di socializzazione capace di autosostenersi, un luogo nel quale i giovani possano dare il meglio di sè». Dell’ex canonica al momento è disponibile solo il piano terra, da poco restaurato e di proprietà del Comune. Gli spazi comunque non mancano: sono presenti un locale destinato ad accogliere un laboratorio inclusivo di pasticceria con il coinvolgimento di persone con disabilità, un bar e una sala polivalente. Per maggiori informazioni: www.monselicegiovani.it.

Salva Articolo

Lascia un commento