Ulss 6 Euganea allerta Padova: non buono il “Profilo di salute”

Nuovo studio dell'Ulss 6 Euganea: a rischio il benessere e la salute dei padovani

3697

PADOVA. La salute è affare serio e i padovani, troppo spesso, se lo dimenticano. Fumo, cibo spazzatura e alcool mettono a rischio la qualità della vita, ma non solo. Ad influenzare il benessere fisico sono anche l’inquinamento, l’efficienza delle reti idriche e la gestione dei rifiuti.

Seppur il 72% della popolazione patavina ritenga di essere in salute, un terzo soffre almeno di una malattia cronica. Diabete, demenza, broncopneumopatia cronico ostruttiva, ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco cronico: queste patologie dilagano sempre più, coinvolgendo un’ampia fetta della cittadinanza veneta. L’allarme viene lanciato da “Profilo di salute”, uno studio curato dall’Ulss 6 che ha preso in analisi la popolazione padovana e i relativi stili di vita.
Secondo le ricerche Ulss Euganea, nate dallo studio di più di 12 banche dati ufficiali, il 23,1% dei padovani fuma e il 22,9% beve alcolici ogni giorno. «Il tabagismo contribuisce allo sviluppo di malattie prevenibili come il tumore al polmone, l’infarto o l’ictus» specifica Scibetta, «l’abuso di alcol è uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolare. Dalla ricerca è emerso che gli stili di vita sono associati al livello di istruzione e alla condizione socio-economica del soggetto». E sono proprio le malattie del sistema cardiocircolatorio la prima causa di morte a Padova e provincia, mentre è in drastico aumento il numero di morti cancerose: sono difatti 17 i casi tumorali diagnosticati mediamente ogni giorno nella provincia patavina.

La fotografia scattata da “Profilo di salute” è molto nitida: ambiente e salute padovani sono a rischio e a rimetterne è la qualità della nostra vita.

Salva Articolo

Lascia un commento