Strapparono catenina dal collo di un’anziana, in carcere per custodia cautelare

Il 23 agosto i due derubarono un'anziana nei pressi del cimitero di Deserto, per poi essere fermati all'esterno di un compro oro. Il gip ha disposto la misura per il pericolo di reiterazione del reato

432

ESTE. I carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Este hanno eseguito lunedì due ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip di Rovigo, nei confronti del 23enne incensurato e senza fissa dimora e della 24enne con precedenti, entrambi di origine albanese, che lo scorso 23 agosto si resero protagonisti di una rapina nei pressi del cimitero di Deserto.

Nell’occasione i due avevano avvicinato con un pretesto una signora di 85 anni, strappandole dal collo una catenina d’oro e fuggendo a bordo di due biciclette. Grazie alle indicazioni fornite da un testimone, la coppia era stata rintracciata e fermata all’uscita di un compro oro di Monselice dai carabinieri del nucleo radiomobile di Este. I due malviventi erano stati quindi sottoposti allo stato di fermo su disposizione del pubblico ministero della Procura di Padova Francesco Tonon.

Secondo quanto dichiarato dalla donna, sarebbe stata lei a convincere l’uomo a commettere il reato, viste le difficoltà economiche in cui la coppia versava. Il conseguente pericolo di reiterazione del reato ha portato il gip di Rovigo Alessandra Martinelli a disporre la misura della custodia cautelare in carcere: il ragazzo è stato portato al “Due Palazzi” di Padova, la ragazza presso la casa circondariale di Verona.

Salva Articolo

Lascia un commento