Strappano catenina dal collo di un’anziana, fermati mentre escono dal compro oro

558

ESTE. Rubano una catenina dal collo di un’anziana ma vengono individuati e fermati poco dopo nei pressi di un compro oro. Protagonisti della vicenda un 23enne incensurato e senza fissa dimora e una 24enne con precedenti, entrambi di origine albanese. I due sono ora in carcere con l’accusa di rapina in concorso.

Erano le 16 di mercoledì pomeriggio quando i due malviventi, a pochi metri dal cimitero della frazione di Deserto, si sarebbero avvicinati con un pretesto a una signora 85enne. La donna portava al proprio collo una catenina in oro, decorata da un crocifisso e una medaglia. La coppia le avrebbe strappato il gioiello, colpendola con un ceffone al volto e dandosi alla fuga a bordo di due biciclette. Il racconto dell’anziana, con tutti i particolari del furto appena subito, è stato ascoltato da un 35enne del posto. Poco dopo l’uomo si è diretto in centro a Monselice, dove ha casualmente incrociato due individui sospetti che stavano per entrare all’ingresso di un compro oro in via Cadorna.

Il giovane ha allertato il 112 e in pochi minuti sono giunte sul posto due pattuglie dell’aliquota radiomobile della compagnia dei carabinieri di Este, che hanno provveduto a fermare i due sospetti una volta usciti dal locale. La coppia aveva effettivamente con sé 360 euro, che sarebbero il frutto della vendita dell’oro precedentemente sottratto all’anziana donna. I due sono stati sottoposti allo stato di fermo e accompagnati in carcere: l’uomo si trova ora al “Due Palazzi” di Padova, la donna al “Montorio” di Verona.

Salva Articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteBasket, il Redentore resta in serie D
Prossimo articoloUna petizione per portare un’ambulanza in zona Colli
Giacomo Visentin
Classe 1992, ho in tasca due lauree, un Erasmus in Portogallo e diverse collaborazioni nel settore della comunicazione, da Cafè Tv 24 al Corriere del Veneto. La mia esperienza più bella rimane Estensione, che ho fondato nel novembre 2012 e di cui sono tuttora direttore editoriale. La politica, i media e lo sport le mie passioni più grandi.

Lascia un commento