Sicurezza, a Este arriva l’app per segnalare truffe, aggressioni e persone sospette

Annunciata dal comandante dei vigili Mighela, sarà lanciata nei prossimi giorni: ecco come funziona. Raffo: «A Deserto potenzieremo illuminazione e vigilanza»

1567

ESTE. Un’app a disposizione dei cittadini di Este per la segnalazione di rifiuti abbandonati, incendi, aggressioni, personaggi loschi, infrazioni stradali e truffe. È quella annunciata lunedì sera dal comandante della polizia locale Gabriele Mighela, durante un incontro in municipio con alcuni rappresentanti della frazione di Deserto, recentemente teatro di alcuni episodi di microcriminalità. Ancora top secret il nome dell’applicazione, in dotazione al Comune di Este in via sperimentale ma già disponibile per il download gratuito su App Store e Google Play, che verrà svelato ufficialmente nei prossimi giorni.

Come funziona. Una volta registrati con nome, cognome e numero di telefono, i cittadini potranno segnalare, anche inviando foto, situazioni sospette e attività illecite. Le informazioni saranno gestite e verificate in tempo reale, contribuendo a creare un indice di affidabilità degli utenti; saranno gli stessi cittadini registrati a confermare o smentire le altrui segnalazioni. Anche gli utenti non registrati potranno vedere le segnalazioni sulla mappa ma non potranno a loro volta effettuarne. L’obiettivo è quello di selezionare soltanto informazioni qualificate ed effettivamente utili da trasmettere ai vigili e ai carabinieri. Alcuni cittadini di Deserto hanno dato la propria disponibilità a testare il nuovo strumento.

Il confronto. Oltre al comandante Mighela, all’incontro di lunedì erano presenti anche il presidente del Consiglio comunale Roberto Trevisan, il consigliere delegato alla Sicurezza Giuseppe Raffo e il vicesindaco Aurelio Puato. I cittadini hanno chiesto interventi immediati per aumentare la sicurezza della frazione dopo i furti e lo scippo avvenuti nei giorni scorsi. «La nostra attenzione è sempre massima. In primavera sarà attivo il nuovo sistema di videosorveglianza e verranno installati punti di ripresa anche nelle frazioni, dove organizzeremo servizi dedicati con i carabinieri in congedo. Sarà anche potenziata l’illuminazione dell’area parco giochi» promette Raffo.

«Essere osservatori di ciò che succede nei propri quartieri, segnalando anche in anticipo situazioni sospette, senza creare allarmismi, può esserci di aiuto e rendere più semplici ed efficaci gli interventi» spiega Mighela, sottolineando il ruolo importante giocato dalla prevenzione e le potenzialità della nuova applicazione: «Vi sarà un maggiore presidio nei luoghi a rischio potenziando i controlli che già effettuiamo quotidianamente. Un grande contributo nel migliorare la sicurezza in città viene anche dalla tecnologia, sia per la prevenzione dei rischi che per la cosiddetta sicurezza partecipata».

Salva Articolo

Lascia un commento