Rotatoria di via Orti, al via i lavori

Il cantiere sarà diviso in tre fasi: la prima prevede la chiusura di via Marconi per un mese, poi tocchrà a via Orti. L'opera dovrebbe essere pronta per fine giugno o inizio luglio

2596

MONSELICE. Ora è ufficiale: partirà domani il cantiere per la realizzazione della rotatoria di via Orti. L’iter burocratico e autorizzativo, dopo gli intoppi che avevano fatto slittare l’avvio dell’opera, è finalmente terminato. Ditta e Comune hanno definito il cronoprogramma dell’intervento, che inevitabilmente causerà disagi alla viabilità: l’incrocio in questione, infatti, è un punto critico, attraversato quotidianamente da diverse migliaia di auto e camion. Il cantiere si articolerà in tre fasi. Durante la prima i lavori toccheranno l’innesto di via Marconi, che rimarrà chiusa per una trentina di giorni. Il traffico da e per Monselice sarà spostato su via Rovigana, mentre si potrà transitare sulla statale 16 e in via Orti.

Nella seconda fase le operazioni coinvolgeranno l’innesto della stessa via Orti, che verrà chiusa per un altro mese a partire dai primi di maggio. Le auto verranno deviate sulle strade vicine. I mezzi pesanti, invece, dovranno svoltare in via Vanzo e proseguire verso la Monselice-mare. Il terzo step sarà necessario per finire l’anello interno della rotatoria e per le ultime asfaltature: via Orti, via Marconi e la statale dovrebbero già essere regolarmente percorribili. I lavori dureranno circa tre mesi: salvo maltempo e altri imprevisti, quindi, termineranno per fine giugno o inizio luglio.

Quella di via Orti è una delle tre rotatorie che rientrano nell’accordo di programma legato ad Agrologic e verranno realizzate a scomputo degli oneri di urbanizzazione primaria dovuti da Aspiag-Cervet al Comune per un totale di un milione e 185 mila euro. «Ѐ un’opera fondamentale che ha l’obiettivo di migliorare la viabilità della nostra città. Sicuramente i disagi non mancheranno, ma la soddisfazione per la sua realizzazione andrà a controbilanciarli» commenta l’assessore ai Lavori Pubblici Andrea Tasinato.

Salva Articolo

Lascia un commento