Redditi, oggi il “giorno di liberazione fiscale”: da domani operai lavorano per guadagnare

341

imageArriva oggi, dopo 132 giorni di lavoro, il cosiddetto “giorno di liberazione fiscale“, ossia il giorno in cui gli operai smettono di pagare il fisco e iniziano a lavorare per guadagnare.

L’Ufficio studi della CGIA di Mestre ha preso in esame il reddito disponibile di un operaio tipo (con moglie e figlio a carico e uno stipendio mensile netto che con il bonus degli 80 euro sale a 1.631 euro) e lo ha suddiviso per i 365 giorni dell’anno, ottenendo così il guadagno medio quotidiano. Successivamente, si è proceduto considerando l’ammontare delle imposte, delle tasse e dei contributi “gravanti” sul reddito e sui consumi che questo contribuente tipo versa allo Stato (pari a 9.627 euro), suddividendolo per il guadagno giornaliero. Il risultato di questa operazione (pari a 132 giorni) individua nel 13 maggio la data a partire dalla quale questo operaio tipo lavorerà per sé e non più per il fisco.

Si evidenzia così come gli 80 euro proposti dal premier Renzi siano stati coperti dall’aumento dell’Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche), delle imposte e dei contributi. Per quanto concerne altri tipi di imposte non vi sono variazioni degne di nota. Tasi, Tari, bollo auto e RC auto sono stabili sul lungo periodo come accise e Iva sui consumi che presentano solo lievi differenze rispetto l’anno precedente. Di seguito proponiamo la tabella pubblicata da Tgcom24:

Fonte TGCOM24
(Fonte: Tgcom24)

Giuseppe Bortolussi, segretario della CGIA, propone di ridurre gli sprechi, passando ad un regime fiscale federale, rendendo più efficiente la base organizzativa statale: “Contraendo in maniera strutturale la spesa pubblica improduttiva possiamo ridurre anche le tasse. Per far questo è necessario riprendere in mano il federalismo fiscale che, a mio avviso, è l’unica strada percorribile per raggiungere questo obiettivo. Infatti, le esperienze europee ci dicono che gli stati federali hanno un livello di tassazione e una spesa pubblica minore, una macchina statale più snella ed efficiente e un livello dei servizi offerti di alta qualità”.

Salva Articolo

Lascia un commento