Qualità dell’aria, è polemica

Le opposizioni: cosa sta facendo l'Amministrazione per abbassare il Pm10? La replica dell'assessore Gobbo: Basta attacchi strumentali. Siamo in contatto costante con Arpav e chiederemo la sostituzione della centralina

734

ESTE. Il tema della qualità dell’aria torna a essere oggetto di aspra contesa politica. A sollevarlo “L’Altra Este”: «I dati Arpav riportano per la nostra città informazioni tranquillizzanti sul Pm10 registrando appena 33 superamenti, dall’inizio dell’anno ad oggi, del limite giornaliero di 50 mg/mc previsti dalla legge contro i 62 di Padova e i 46 di Monselice. Tuttavia da mesi nel sito dell’ente i dati validati di Este non vengono più riportati. E se guardiamo i dati in diretta scopriamo che dal 12 al 21 ottobre siamo sempre andati oltre il limite. Se il sito funzionasse a quanti giorni di superamento potremmo essere?» si domanda l’associazione. Rincarano la dose le Civiche d’Este, che puntano il dito contro il Tat, il Tavolo ambientale territoriale: «Che fine ha fatto e a cosa serve? Quali azioni concrete l’Amministrazione e l’assessore competente hanno messo in campo per mitigare una situazione pericolosa per la salute degli atestini?»

La replica del diretto interessato non si è fatta attendere: «Non accetto più critiche puramente strumentali» sbotta Sergio Gobbo, che precisa come gli sforamenti consecutivi siano nove e non dieci. «La qualità dell’aria che respiriamo è importante ache per noi. Il Comune sta facendo la sua parte ed è in contatto costante con Arpav: venerdì prossimo avremo una riunione nella quale affronteremo anche questo argomento e chiederemo la sostituzione della centralina di Este. Se necessario siamo disposti anche a compartecipare alla spesa».

Il problema del Pm10, come è noto, interessa l’intera Pianura Padana. E a chi invoca il blocco del traffico per risolverlo, l’assessore all’Ambiente risponde così: «È ormai dimostrato che azioni di questo tipo non hanno nessuna efficacia reale. Nei tavoli regionali e interregionali adesso si ragiona su altre soluzioni». Il meteo negli ultimi giorni sta dando una mano: la perturbazione di domenica ha abbassato di parecchio i livelli delle polveri sottili. Quanto alle critiche sul Tat, Gobbo si chiede: «Come può chi non ha mai partecipato alle riunioni valutarne l’utilità? Questo strumento su diverse questioni, tra cui quella dei Css, ha invece dato un contributo determinante».

Salva Articolo

Lascia un commento