Profughi siriani a Monselice per un giorno

264
www.freedom24news.eu
(Foto: www.freedom24news.eu)

Sono giunti nel tardo pomeriggio di ieri a Monselice e son stati accolti all’Ostello di via Santo Stefano dopo otto ore passate trascorse in Questura a Padova.

Sono tutti siriani, fuggiti dalla guerra civile e dalle oppressioni dello Stato Islamico nella loro terra, portandosi dietro in alcuni casi il resto della famiglia, i bimbi piccoli. Solo tre di loro hanno voluto essere identificati per sottostare qui al protocollo europeo relativo alla richiesta d’asilo, che solitamente richiede mesi d’attesa.

La maggior parte degli altri rifugiati invece ha, già nella notte, lasciato il Paese per congiungersi con i propri familiari o per raggiungere opportunità diverse altrove, molto probabilmente negli Stati del nord Europa.
Sono appena una quindicina quelli che “ancor” oggi hanno alloggiano all’ombra della Rocca presso la struttura sotto la supervisione della cooperativa Terra di Mezzo che collabora nella gestione dell’emergenza profughi con l’Ecofficina.

E’ dell’ultima ora la notizia che anche gli ultimi rimasti avrebbero lasciato il sito d’accoglienza per seguire le orme dei compagni di viaggio, e cercare evidentemente fortuna altrove, come del resto fanno migliaia di loro connazionali che transitano in Italia per accedere poi ad altre realtà comunitarie.
E’ stata dunque una brevissima parentesi d’ospitalità quella vissuta dalla cittadina euganea, che tuttavia potrebbe prestarsi ben presto come sede per altri servizi di questo tipo.

La bassa padovana torna ad essere dunque protagonista del piano d’accoglienza varato dal Governo; dopo Montagnana, Battaglia e Baone anche Monselice torna ad aprire il centro, anche se in via provvisoria e per appena un giorno, dopo aver ospitato nel 2011 un gruppo di ghanesi (allora al Ceod di Monticelli), per i quali la comunità locale si era prodigata in diverse azioni solidali e di volontariato.

Salva Articolo

Lascia un commento