Piovese, sgominato altro bazar della droga

297
(Foto: www.sudpress.it)
(Foto: www.sudpress.it)

Non c’è due senza tre. In meno di venti giorni è stato sgominato il terzo giro di spaccio di stupefacenti nella Saccisica. Il bazar della droga nel piovese sembra avere le ore contate: nella giornata di ieri i carabinieri del comando di Piove di Sacco hanno scovato altre due bande, complici fra loro, che si erano spartite il racket della cocaina tra il piovese e la Riviera.

L’inchiesta, avuta inizio nell’agosto del 2014, è stata portata a galla dal fermo di un ragazzo di Codevigo in possesso di una discreta quantità di stupefacenti: dal controllo della rubrica le forze dell’ordine hanno scovato il contatto del pusher, il tunisino 26enne, M.M. Con l’avanzare delle indagini i carabinieri hanno scoperto l’intero giro di droga, in particolare è venuta alla luce la figura di S.S. (24enne di Sant’Angelo di Piove), fidanzata del tunisino, che gestendo un bar a Campolongo Maggiore riusciva a piazzare nel mercato, a settimana, sino a un etto di cocaina tra Piovese, Saonara e Riviera. Il mercato dei fidanzatini era uno dei più floridi del piovese: con un prezzo di 50€ a dose, erano molti i clienti nella Saccisica (solo nel piovese sono stati scovati più di cento clienti abituali).

La filiera della droga però non finiva qui: da bravi commercianti, i due giovani avevano stretto un’alleanza con una vicina banda veneziana per assicurarsi a vicenda un continuo rientro di sostanze. A capo della rete della Riviera c’erano M.G. (49 anni di Campagna Lupia) e C.G.(54 anni di Campagna Lupia), entrambi già noti alle forze dell’ordine. Per i carabinieri una volta fermata una delle due bande è stato facile ricollegarsi all’altra: troppi i contatti e i giri in comune. Dopo una serie di perquisizioni e controlli, l’inchiesta ha portato all’arresto di quattro persone e a due denunce. Manette anche per M.M. e M.G., che sono stati condotti al carcere di Padova e di Venezia, ai domiciliari S.S. e C.G.

Nonostante nell’ultimo mese sia stata portata alla luce una delle reti di narcotraffici più intensa degli ultimi anni, le indagini dei carabinieri di Piove di Sacco continuano senza sosta.

Salva Articolo

Lascia un commento