Piove di Sacco, arrestati gli spacciatori dei rave party

414
(Foto: www.liberajonianews.it)
(Foto: www.liberajonianews.it)

Arrestati gli spacciatori dei rave party dell’Orange Bar, locale situato a Tognana, nella zona industriale di Piove di Sacco. I due, un 25enne e un 46enne, sono stati trovati in possesso di stupefacenti.

Già nello scorso giugno, dopo i vari illeciti, la questura di Padova aveva disposto la sospensione di 15 giorni della licenza dell’Orange Bar per motivi di ordine e sicurezza pubblica, ritenendo il locale luogo di ritrovo di pregiudicati e di extracomunitari sprovvisti di carte in regola. Erano stati realizzati molti blitz dall’Arma dei Carabinieri per tentare di sgominare lo spaccio, tutti però infruttuosi in quanto il loro arrivo di volta in volta non faceva altro che allarmare i frequentatori del locale e metterli in fuga tra la confusione generale. Ed è proprio in seguito a queste incursioni che le autorità avevano individuato resti di droghe sintetiche e involucri di sostanze illegali. Data quindi la sempre più forte urgenza di inchiodare i fornitori dei rave party, i militari di Piove di Sacco hanno iniziato a seguire i movimenti di alcuni tra i giovani denunciati nella zona. Sono così risaliti a un giovane di Arre e frequentatore del piovese, che in casa conservava abusivamente una vasta gamma di armi: una carabina, un coltello a scatto, due katane, un machete e una stella ninja, tutte sequestrate. Ora S. O. dovrà rispondere di detenzione illegale di armi bianche e da sparo e ricettazione.

Una volta individuati i due spacciatori, i militari hanno fatto irruzione anche nelle loro abitazioni rinvenendo quasi mezzo chilo di sostanze stupefacenti, tra marijuana e hashish. In attesa del processo, dove l’accusa sarà di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, per entrambi sono stati disposti i domiciliari.

Salva Articolo

Lascia un commento