Piazza Libertà di Turri, ecco la riqualificazione

Presentato il progetto: alberi, nuovi giochi, sistemazione del verde, illuminazione a led e messa in sicurezza della viabilità. Mortandello: «Opera fondamentale per il territorio»

463

MONTEGROTTO TERME. Ha tenuto banco per quasi due anni, ovvero dall’insediamento dell’attuale giunta, la questione relativa piazza Libertà di Turri. Diverse interrogazioni sono state portate dalle minoranze in Consiglio comunale e finalmente sembra muoversi qualcosa. Si è tenuto infatti dieci giorni fa, il 7 marzo, l’incontro pubblico di presentazione del progetto di riqualificazione della piazza di Turri. Un percorso sicuramente tortuoso quello che ha portato al progetto, che tuttavia sta finalmente per partire.

«Un altro tassello si sta posizionando per sistemare un’opera pubblica fondamentale per la comunità di Turri e per l’intero territorio», ha commentato il sindaco Mortandello. «L’elaborazione del progetto», sottolineano gli amministratori, «ha tenuto conto delle segnalazioni dei cittadini che l’amministrazione ha raccolto attraverso un questionario alla fine del 2017». Fra le richieste dei residenti l’inserimento di un’alberatura che faccia da barriera contro il rumore, nuovi giochi per i bambini, una fontanella e la sistemazione del verde della piazza in maniera tale da colmare il dislivello e renderlo più omogeneo e meno pericoloso.

Se sarà mantenuto lo spazio per lo svolgimento di manifestazioni (cinema all’aperto, presentazioni di libri e rappresentazioni teatrali), ci saranno invece altre novità previste nel progetto: verrà infatti eliminata la vegetazione alta del portico al fine di creare maggiore continuità con la piazza, e sarà creato anche uno spazio per mettere in sicurezza il masso attualmente posizionato in centro carreggiata, andandolo a inserire in un’aiuola per migliorare la gestione e la velocità del flusso viario. Non mancherà l’illuminazione a led, già inserita in diversi quartieri di Montegrotto, l’utilizzo di materiali durevoli per la pavimentazione e l’arredo urbano, e la messa a dimora di piante tappezzanti.

Salva Articolo

Lascia un commento