Perdita di gpl da un distributore, tensione nella notte a Torreglia

È successo giovedì sera in via Montegrotto. Il guasto a una flangia di una cisterna da 20 mila litri. Chiusa la Sp74, evacuata la Luvata. Scongiurato il rischio esplosione

471

TORREGLIA. Ore di tensione giovedì sera a Torreglia, in via Montegrotto, dove un distributore di carburante della San Marco Petroli ha sofferto una perdita di gpl (gas di petrolio liquefatti). Ad accorgersi del guasto, poco dopo le 20, uno dei gestori della stazione di rifornimento, che ha notato il fumo bianco fuoriuscire dalla cisterna, quando mancavano ormai pochi minuti alla chiusura dell’impianto.

Né il gestore né il manutentore della struttura sono riusciti a bloccare in breve tempo la perdita, rendendo così necessario l’intervento dei vigili del fuoco di Abano, giunti sul luogo dell’incidente con 13 operatori e 4 automezzi. I pompieri hanno provveduto a mettere in sicurezza la zona, chiudendo in entrambe le direzioni la strada provinciale 74 che costeggia la stazione di rifornimento. È stato inoltre evacuato il personale della Luvata, azienda produttrice di scambiatori di calore, il cui stabilimento si trova a pochi metri dal distributore. A seguire le operazioni di soccorso sono arrivati anche i carabinieri, il sindaco Filippo Legnaro e gli specialisti del nucleo Nbcr (nucleare biologico chimico radiologico) dei vigili del fuoco di Mestre.

La perdita sarebbe da attribuire alla rottura di una flangia della cisterna, che al momento dell’incidente conteneva circa 20 mila litri di gpl. Il gas fuoriuscito è stato abbattuto con i getti d’acqua, in modo da evitare possibili esplosioni, e le caditoie sono state controllate, essendo il gpl una sostanza più pesante dell’aria e per questo molto pericolosa (la sua concentrazione a terra rimane elevata anche in ambienti relativamente molto grandi). In un primo momento è stata valutata la possibilità di trasferire il gas direttamente in un’autocisterna, ma alla fine si è preferito sistemare il guasto e mettere in sicurezza l’impianto. Le operazioni di soccorso sono terminate verso mezzanotte.

Salva Articolo

Lascia un commento