Monselice, un altro cantiere a fuoco. E’ caccia al piromane

451
11109283_993163377363266_2388713006311910597_n
(L’incendio divampato in via Monticelli questa notte. Foto del lettore Andrea Nagy)

Un obiettivo ogni sera, sempre alla solita ora, in zone diverse della città. Non più un atto di vandalismo isolato, ma una serie di episodi pericolosi che iniziano a preoccupare la cittadinanza e nei confronti dei quali stanno indagando le forze dell’ordine.

11391548_993163307363273_4829383136589696737_n
(Vigili del fuoco in azione nella notte. Foto del lettore Andrea Nagy)

Sono i residenti di Monticelli questa volta a chiedere l’intervento delle forze dell’ordine in piena notte. Tra le 23 e la mezzanotte di venerdì un altro cantiere è finito nel mirino del piromane seriale, anche questa volta a pochi metri dalle abitazioni, in via Monticelli. Un container-ufficio dell’impresa edile impegnata nei lavori è andato completamente distrutto nell’incendio, innalzando una spaventosa nube di fumo, e provocando un esteso focolare che ha evitato di propagarsi alle abitazioni vicine solo grazie al repentino intervento dei Vigili del Fuoco.

E’ il sesto episodio in una settimana, uno ogni sera, sempre con la stessa matrice dolosa e sempre con le stesse modalità d’azione. Prima i due bidoni incendiati domenica notte in via Ponticello e in via Vo de’ Buffi, poi cinque cantieri, con ben più ingenti danni materiali e notevoli rischi anche per l’incolumità delle persone. Lunedì sera il primo container di un’impresa edile di Valle San Giorgio in via Corner; martedì sera in zona Carmine, ai danni di un piccolo prefabbricato lungo la pista ciclabile a poche decine di metri dalla linea ferroviaria; mercoledì sera un altro container, lungo la Monselice-mare; giovedì sera di nuovo in via Vo de’ Buffi, anche questa volta a pochi metri dalle case all’angolo con via San Francesco, ancora a discapito di un’impresa edile, impegnata nella ristrutturazione di un complesso residenziale.

Un “passatempo” barbaro che ricondurrebbe tutti gli episodi agli stessi autori, dei quali sono però sconosciute le folli intenzioni; sembra comunque da escludersi l’ipotesi che gli obiettivi siano mirati e possano avere un filo conduttore comune.

Clicca qui per vedere il video realizzato dal nostro lettore Andrea Nagy.

Salva Articolo

Lascia un commento