Monselice, polemica tra M5S e Amministrazione sui gemellaggi

I pentastellati: «Servono solo a mandare in gita qualcuno a spese della collettività». La replica dell'assessore Mamprin: «Creano opportunità economiche e culturali»

1040

MONSELICE. Polemica tra Movimento Cinque Stelle e la Giunta comunale sul tema dei gemellaggi. «A cosa serve fare i gemellaggi ? Ce lo siamo chiesto fin dalla prima volta in cui, durante il mandato in Consiglio comunale, si è votato per sottoscriverne uno – attaccano i pentastellati -. Temevamo che l’unica risposta “utile” sarebbe stata questa: mandare in gita per qualche giorno alcuni membri dell’Amministrazione, ovviamente a spese della collettività. È quello che puntualmente è successo in questi primi giorni di dicembre quando, alla modica cifra di 2.343 euro, di cui 975 solo di alloggio, abbiamo spedito per tre giorni Mamprin, Gelsi e Parolo a Parkano, ospiti, si fa per dire, della città finlandese con cui Monselice è gemellata».

La replica è affidata proprio a Gianni Mamprin: «Siamo stati invitati a Parkano per partecipare alle celebrazioni del loro 150° anniversario di fondazione. Non è stato un viaggio di piacere, visto che abbiamo incontrato diversi imprenditori e preso contatti con una delle maggiori agenzie turistiche della Finlandia. Questa organizza già tour in Lombardia e si è detta interessata a portare visitatori anche da noi». L’assessore ricorda inoltre che il gemellaggio creerà opportunità positive per gli studenti monselicensi. «La nostra città sta crescendo e questo forse dà fastidio a qualcuno».

Salva Articolo

Lascia un commento