Maltempo, chiusa l’A13: traffico in tilt. Coppola: “Incomprensibile la chiusura dei caselli veneti”

254

Il forte vento e la pioggia che, da due giorni, si stanno abbattendo su tutto il Nord Italia stanno creando non pochi problemi per gli automobilisti. A causa del maltempo, il tratto padovano dell’autostrada A13, da Padova Sud a Boara Pisani, è stato chiuso dalla polizia stradale.

Fin dalle prime ore del mattino il traffico è andato in tilt a causa delle auto convogliate sulle strade minori: code per decine di chilometri sulla Statale 16 e sul tratto Monselice-Santa Margherita d’Adige. La situazione si è normalizzata verso le ore 11 ma sulla Statale Adriatica permangono rallentamenti poiché l’A13 è attualmente chiusa ai mezzi pesanti al di sopra delle 7,5 tonnellate. La polizia municipale di Due Carrare e di Monselice, infatti, è attualmente impegnata a sorvegliare gli ingressi e a redirigere il traffico.

La decisione di chiudere il tratto autostradale è stata presa, allo scopo limitare il flusso di veicoli in autostrada, in seguito all’emergenza neve registrata tra Ferrara e Bologna. Questa soluzione ha creato non pochi problemi alla viabilità ordinaria, in particolare sulla statale Adriatica, e ha scatenato il malcontento non solo degli automobilisti.

L’assessore regionale alle infrastrutture, Isi Coppola, ha dichiarato: “La chiusura dei caselli autostradali veneti risulta incomprensibile e ha provocato gravissimi disagi a migliaia di automobilisti e di autotrasportatori proprio nelle ore di punta. Se lo scopo era di evitare accumuli di traffico verso Bologna  sarebbe stata sufficiente la chiusura dei caselli in direzione sud. Quello che si chiede è solo una gestione più attenta delle emergenze, che non penalizzi nessun territorio e tantomeno quello veneto. Quanto accaduto questa mattina dimostra sempre di più l’esigenza di un sistema informativo unico sullo stato della viabilità, che consenta di avere maggiori informazioni in tempo reale sulla situazione del traffico dell’intera rete viaria veneta”.

E’ stata quindi avviata dalla Struttura di Vigilanza sulle Concessionarie Autostradali una procedura ispettiva nei confronti di Autostrade per l’Italia, gestore dell’A13, per verificare le motivazioni della chiusura e per accertare se siano state prese tutte le misure corrette al fine di evitare i disagi per gli utenti.

Salva Articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteCivitas Vitae, sport per tutti
Prossimo articoloLa teoria del tutto (non sa di niente)
Alessia Crivellaro
Inguaribile ottimista, appassionata di scoutismo e vita all’aria aperta, amo cercare risposte e trovare domande. Con un diploma scientifico e una laurea magistrale in Editoria e Giornalismo, intendo raccontare la realtà del mio territorio da quando, a nove anni, Babbo Natale mi ha regalato una macchina da scrivere.

Lascia un commento