“La salute si impara”, a Montagnana si apre il nuovo anno della Scuola della salute

Nove incontri a cadenza mensile tenuti da esperti e professionisti nel campo della salute. Domani alle 15 il taglio del nastro del progetto a cura dell'associazione Mèca

1222

MONTAGNANA. “La salute si impara” è il motto della Scuola della salute, l’iniziativa creata da Carla Albarello e Marilena Tecchio dell’associazione di promozione sociale affilata Fitel “Mèca” (Montagnana è città aperta), in collaborazione con la fondazione Franchin Simon, il centro diurno psichiatrico di Montagnana e con il patrocinio del Comune. Si tratta di nove incontri a cadenza mensile, uno ogni primo mercoledì del mese dalle 15 alle 17, da ottobre a giugno, tenuti da esperti e professionisti nel campo della salute. Il taglio del nastro ufficiale sarà dato mercoledì pomeriggio alle 15, presso l’auditorium della fondazione – spazio che ospiterà anche gli incontri della Scuola – alla presenza delle autorità locali.

«I presupposti teorici-sociali che stanno alla base della Scuola della salute si rifanno all’idea di nuovo welfare comunicativo-transitivo-generativo» spiegano da Mèca, la cui mission associativa è tesa a realizzare il bene comune. «Trattasi di un’idea, maturata negli anni di interesse e partecipazione al percorso di promozione della salute con le passeggiate in compagnia, piacevoli, aggreganti, continuative e di successo. Una scuola, luogo e spazio dove la salute s’impara, in risposta alla necessità di un nuovo welfare che ci vuole protagonisti generosi nella ricerca, nella salvaguardia e nella promozione della salute e benessere sia individuale che collettivo». Per informazioni: 348 1301128 o [email protected]

Salva Articolo

Lascia un commento