Este, inaugurate le nuove aule studio in Patronato Redentore (FOTO)

Operative dallo scorso 25 maggio, le due aule saranno aperte tutti i giorni della settimana, con orario continuato, 8-23 dal lunedì al venerdì e 8-20 il sabato e la domenica. In totale 40 nuove postazioni

1465

ESTE. Sono state inaugurate giovedì pomeriggio le due nuove aule studio ubicate al primo piano del Patronato Ss. Redentore. Presenti il direttore della struttura don Michele Majoni, il consigliere comunale Enzo Ferro, promotore dell’iniziativa, e i suoi colleghi di maggioranza: il vicesindaco Aurelio Puato, l’assessore Sergio Gobbo, il presidente consiliare Roberto Trevisan e i consiglieri Emanuele Balbo, Fernando Ongaro e Roberto Valente. Al termine della cerimonia un piccolo rinfresco e l’intrattenimento comico brillante degli attori dell’associazione culturale “Villa Dolfin-Boldù“.

Operative dallo scorso 25 maggio, le due aule saranno aperte tutti i giorni della settimana, con orario continuato, per 15 ore dal lunedì al venerdì (8-23) e per 12 ore il sabato e la domenica (8-20). L’iniziativa, nata dalla collaborazione tra la Parrocchia di Santa Tecla, il Comune di Este e Sesa, punta a risolvere il noto sovraffollamento della biblioteca civica atestina. Ai 30 posti presenti presso la struttura di via Zanchi si vanno ora ad aggiungere le 40 postazioni del Patronato Redentore, di cui una riservata a persone con disabilità.

«Dopo un importante lavoro di organizzazione e coordinamento tra i vari soggetti, – afferma il consigliere comunale Enzo Ferro – finalmente le aule sono operative con i nuovi arredi, il collegamento wifi e la flessibilità di orario e i servizi che la struttura e i volontari del Patronato Redentore consentono di offrire. La gestione delle aule sarà effettuata in stretto collegamento con l’aula studio della biblioteca comunale per condividere anche attività e iniziative. Tengo molto a questo progetto e sono soddisfatto che sia finalmente operativo un servizio molto richiesto da parte degli studenti, in una sede deputata all’aggregazione e alla crescita».

Salva Articolo

Lascia un commento