Este, il supermercato Conad verso la chiusura

419
(Foto: www.freshpointmagazine.it)
(Foto: www.freshpointmagazine.it)

L’avventura del supermercato Conad di Este, a poco meno di un anno dall’apertura, sembra già essere arrivata ai titoli di coda. La società che controlla i punti vendita di Este e Cittadella, altro centro interessato dalla decisione di chiusura, ha infatti comunicato ai sindacati l’intenzione di licenziare 34 dipendenti.

A  distanza di poco tempo dunque la strategia del gruppo cooperativo si è rivelata fallimentare, infatti Conad già da qualche anno ha deciso di ampliare la propria presenza sul territorio in modo capillare, tramite la costruzione di nuovi punti vendita o l’acquisizione di altri negozi, come è accaduto per il Billa di Este un anno fa. In quell’occasione il cambio di insegna non fu per nulla indolore e, nonostante qualche problema, riuscì comunque a assicurare l’occupazione dei lavoratori.

Alla base di questa drastica decisione ci sarebbero il generale calo dei consumi indotto dal protrarsi della crisi e la concorrenza, spesso feroce quando si tratta mantenere il passo con prezzi di altri punti vendita, spesso appartenenti a più grandi catene di distribuzione organizzata e discount, i quali godendo di economie di scala, potere di differenziazione merceologica maggiore e superiore capacità di concentrazione di beni possono spesso permettersi di abbassare i prezzi senza subire gravi perdite economiche, frequentemente a scapito della qualità e del Made in Italy, su cui Conad ha sempre puntato molto, specie per i beni agroalimentari.

Nelle prossime settimane è previsto l’acuirsi della battaglia sindacale, visto che il termine massimo fissato per la chiusura del punto vendita atestino è il 31 dicembre 2015.

Salva Articolo

Lascia un commento