Este, futuro incerto per il Punto Prelievi

343
(Fonte foto: www.sienafree.it)
(Fonte foto: www.sienafree.it)

Dopo Monselice, anche ad Este il Punto Prelievi è prossimo a chiudere i battenti.

Tra comunicati, social network e dichiarazioni dell’amministrazione atestina, nel caso della chiusura del PP di Este a farla da padrone è il caos. Con l’uscita, in data 28 ottobre, del comunicato ufficiale del direttore sanitario Salvatore Barra, l’incubo sembrava dover divenire realtà: «Dal 3 novembre 2015, al fine di ottimizzare le risorse, il Punto Prelievi dell’Ospedale di Este è accorpato presso gli Ospedali Riuniti Padova Sud “Madre Teresa di Calcutta”».

Immediate le proteste e le voci di dissenso nella rete, tra tutte quella di Beatrice Andreose (esponente del comitato promotore antichiusura del PP che lo scorso inverno raccolse circa sei mila firme): «Chiediamo al direttore dell’ente sanitario, il dottor Pavesi, di mantenere la parola data ai seimila utenti che hanno firmato la petizione, e ai sindaci dei comuni interessati, soprattutto quelli dell’estense, chiediamo di attivarsi affinché il centro prelievi permanga in ospedale mettendolo così in sinergia diretta con l’Utap che speriamo entro breve si trasferisca nei locali al piano terra dell’ex nosocomio».

Ma se da un lato la rete insorge e dall’altro l’Ulss 17 si trincera dietro a un fermo “no comment”, fra tutte spicca la voce di Giancarlo Piva che tenta di rassicurare i propri concittadini. Come riporta Il Mattino, il primo cittadino atestino afferma: «Martedì il centro sarà ancora funzionante, devo confermare tuttavia la volontà dell’Usl17 di chiudere il PP del vecchio ospedale» Il sindaco continua: «Ho ottenuto una garanzia: il punto prelievi verrà chiuso solo quando ci sarà una concreta alternativa». Una possibile soluzione, al fine di non privare gli atestini di uno dei servizi sanitari basilari, potrebbe essere rappresentata dallo spostamento del Punto Prelievi nella casa di riposo Santa Tecla.

Salva Articolo

Lascia un commento