Este, al Redentore lo spettacolo “Molto di personale”

231

homeless-55492_960_720Domenica 20 dicembre in Patronato Redentore a Este si svolgerà, a partire dalle ore 16, lo spettacolo teatrale dal titolo “Molto di personale”: un mix di poesia, musica, sketch divertenti e monologhi drammatici che vuole raccontare storie di vita sofferte, di persone costrette a perdere tutto e ad andare a vivere sulla strada. La rappresentazione è promossa dalla Caritas di Padova, dall’associazione Elisabetta d’Ungheria, che nella città del Santo offre aiuto ai senza dimora, dalla parrocchia atestina di Santa Tecla e dalla San Vincenzo locale. Protagonisti sul palco alcuni clochard, coinvolti dai volontari che prestano servizio nei dormitori padovani.

“Ho spiegato ai senza dimora che nella vita non bisogna mai mollare e a volte raccontare la propria esperienza di vita al pubblico rappresenta un messaggio di crescita di enorme valenza sociale” spiega il regista Adelchi Munaron. “Molto spesso consideriamo le persone che vivono per strada come dei disadattati, diversi, malati e affetti da dipendenze. Niente di più sbagliato: nel mio gruppo di lavoro c’è gente che dopo anni difficili sta trovando le forze per una nuova vita, con un nuovo lavoro e un rinnovato ottimismo”. Per quanto riguarda lo spettacolo, chiarisce Munaron, “ai miei attori in erba ho detto di recitare senza troppi schemi, ma lasciando che la mente liberi tutti i pensieri che l’esperienza in strada ha prodotto.”

L’ingresso è libero. Durante l’evento sarà possibile fare la propria offerta in favore delle associazioni di volontariato che assistono le persone senza dimora.

 

Salva Articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteGli ospedali di Piove, Monselice e Abano sono “amici delle donne”
Prossimo articoloIl Terme Euganee non si ferma più
Davide Permunian
Vicentino di nascita, atestino di adozione. Classe 1993, scrivo regolarmente da quando ho 11 anni e ho collaborato a diversi progetti giornalistici. Appassionato di politica, sport, paesaggi e romanzi gialli. Mi piace scoprire nuove storie e raccontarle, portando alla luce le tante sfumature della realtà.

Lascia un commento