Dalla Provincia 365 mila euro per la messa in sicurezza dei ponti

Gli interventi saranno realizzati a Ospedaletto Euganeo, Torreglia, Terrassa Padovana e Pontelongo. Il presidente Soranzo: al lavoro nonostante i tagli dello Stato

1113

PADOVA. Buone notizie per i cittadini di Ospedaletto Euganeo, Torreglia, Terrassa Padovana e Pontelongo. Con decreto immediatamente esecutivo del presidente Enoch Soranzo, la Provincia ha infatti stanziato 365 mila euro per la messa in sicurezza di alcuni ponti che rientrano nel territorio di questi Comuni. «I tagli ai bilanci hanno messo in ginocchio le Province – ha spiegato il presidente Soranzo – per il 2017 lo Stato ci chiederà di restituire 38 milioni di euro. Nonostante questo la Nuova Provincia di Padova si è rimboccata le maniche, non si piange addosso e intende dare avvio e concludere tutti gli interventi messi a bilancio. Abbiamo 1.100 chilometri di strade e 45 istituti scolastici di nostra competenza diretta: non è facile, ma faremo tutti i lavori previsti nelle nostre programmazioni».

Nello specifico, a Ospedaletto i lavori riguarderanno il ponte sullo scolo Maceratoi, lungo la Sp 48: previsti il consolidamento dell’arco in muratura e il rifacimento dei cordoli per il sostegno delle barriere di sicurezza. A Torreglia invece verrà rifatta la muratura di contenimento della strada a monte del ponte di via Castelletto, lungo la Sp 15. Oggetto di intervento per il rifacimento dei parapetti sarà il ponte sullo scolo Prarie a Terrassa Padovana, sulla sp 35. Infine a Pontelongo si provvederà al consolidamento dell’arco in muratura con ricollocamento delle barriere di sicurezza e il rifacimento dei muri d’ala del ponte sullo scolo Barbegara. «Tutti questi lavori – ha concluso il vice presidente della Provincia di Padova Fabio Bui – sono già stati approvati con progetto esecutivo e hanno ottenuto i pareri positivi dai vari enti gestori e dalle amministrazioni coinvolte tramite conferenza dei servizi decisoria. Si potranno quindi già avviare le procedure per l’appalto e la realizzazione delle opere».

Salva Articolo

Lascia un commento