Quartiere Tigli, ripulita l’area del rudere

La spesa per il Comune è di quattromila euro: la zona versa in condizioni precarie dal 2008. Segnaletica installata lungo la provinciale 15

451

OSPEDALETTO EUGANEO. Si sono conclusi i lavori di pulizia dell’area che circonda il rudere del quartiere Tigli. La zona è una delle vittime dell’ultima crisi edilizia: qui nel 2007 era stato autorizzato un progetto per la costruzione di 32 appartamenti. Il mancato pagamento all’impresa incaricata ha portato nel giro di pochi mesi al blocco del cantiere, che da allora versa in condizioni precarie. Dal momento che una delle società proprietarie è nel frattempo stata dichiarata fallita, per poter intervenire il Comune ha dovuto trattare con il curatore fallimentare nominato dal Tribunale di Rovigo. Finalmente, dopo aver completato tutti i passaggi burocratici previsti dalla legge, i lavori di pulizia e recinzione dell’area sono stati affidati alla ditta Pellachin di Ospedaletto. Il costo delle operazioni eseguite, sostenuto dalle casse comunali, ammonta a circa quattromila euro. Per il momento, finché da parte del curatore fallimentare non saranno ultimate tutte le procedure, i ruderi resteranno invece al loro posto.

Intanto arrivano notizie positive anche sul fronte della viabilità. La provinciale 15 è stata infatti dotata nei giorni scorsi di apposita segnaletica orizzontale e verticale. Soddisfatto il sindaco Giacomo Scapin: «In quella strada si sono verificati numerosi incidenti e noi avevamo sottolineato in più occasioni la necessità di un intervento urgente. Ringrazio gli amministratori della Provincia di Padova per aver accolto la nostra richiesta».

Salva Articolo

Lascia un commento