Aggressione a Bagnoli, scattano le manette per un nigeriano

Fermato un migrante, di origine nigeriana, probabile autore dell'aggressione avvenuta venerdì scorso a Bagnoli

1544

BAGNOLI DI SOPRA. Sembrerebbe essere un giovane nigeriano il responsabile dell’aggressione di venerdì sera, intorno alle ore 20, ai danni di una quarantenne del posto. Sono scattate le manette per l’ospite del centro di accoglienza di Bagnoli accusato per tentata violenza sessuale. Il richiedente asilo, ora sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, si trova nella caserma dei carabinieri di Abano Terme.

«Bravi i Carabinieri per la tempestività. Ora questo signore, se confermato colpevole, va spedito a scontare la pena in Nigeria. Parlano tanto di accordi bilaterali, ebbene questo è il classico caso in cui l’accordo serve e va fatto al più presto». Questo il commento del governatore veneto Luca Zaia che aggiunge: «Il Parlamento deve legiferare con urgenza perché questa gente che non ha alcun titolo per trovarsi qui venga rimpatriata al più presto. Non è possibile continuare con questo andazzo, bisogna assistere i bisognosi veri e rispedire gli altri senza indugi perché la situazione è ormai sfuggita di mano».

 

Salva Articolo

Lascia un commento