Il Comune di Monselice vuole ridiscutere l’Aia della cementeria

Presentata la richiesta di riesaminare l'autorizzazione: Lunghi intende ottenere limiti più stringenti per le emissioni, una data di chiusura programmata dello stabilimento e un piano di riconversione

1328

MONSELICE. Il sindaco Francesco Lunghi ha inviato nei giorni scorsi una lettera con la quale chiede ufficialmente alla Provincia di attivare la procedura di riesame dell’Aia, l’autorizzazione integrata ambientale della cementeria di Monselice che scadrebbe nel 2021 ma è stata automaticamente prorogata fino al 2029. Secondo il primo cittadino, infatti, ci sono due importanti nodi da affrontare: il primo è il rispetto dell’articolo 19 del piano ambientale del Parco Colli, che definisce impianti di questo genere «incompatibili» con le proprie finalità e stabilisce che quelli esistenti debbano essere oggetto di appositi accordi di programma per mitigarne l’impatto.

E poi la presenza di Idrocarburi policiclici aromatici in quantità elevate e di valori di Pcb entro i limiti del Regolamento europeo ma tali da raccomandare quantomeno un approfondimento nella zona del monte Ricco, presenza evidenziata anche dalle recenti indagini delle autorità sanitarie. Lunghi intende ottenere il riesame dell’Aia in modo da raggiungere alcuni importanti risultati: in primis limiti più stringenti per le emissioni, una data di chiusura programmata dello stabilimento e un piano di riconversione.

Intanto giovedì approderà in Consiglio comunale una proposta di legge regionale nata da un’iniziativa del Pd e poi rielaborata con il contributo della commissione cementeria e degli uffici di palazzo Tortorini. Il testo prevede che all’interno dei siti riconosciuti come Parco sia vietato l’impiego di combustibile derivante da rifiuti Css-C o simili e che «qualsiasi modifica della durata delle autorizzazioni di esercizio o del combustibile utilizzato nelle cementerie comprese nel perimetro del Parco» sia subordinato alla stipula di «apposite convenzioni tra Parco e Comuni interessati».

Salva Articolo

Lascia un commento