Cinghiali, 770 esemplari abbattuti nei primi sei mesi del 2017

Sono 542 solo tra maggio e giugno. Per la Regione l'obiettivo è arrivare a duemila all'anno

593

ESTE. Sono 770 i cinghiali abbattuti nei primi sei mesi del 2017: è questo l’ultimo bilancio della lotta alla diffusione degli ungulati nel territorio del Parco dei Colli Euganei. Una lotta che tra maggio e giugno ha subito un’accelerazione importante, con ben 542 esemplari rimossi. «Stiamo gradualmente allineandoci alla tabella di marcia che ci eravamo prefissi – spiegano gli assessori regionali al territorio e parchi (Corazzari) e all’agricoltura e caccia (Pan) – e che prevede l’abbattimento di duemila capi all’anno, in modo da poter ristabilire nell’area del Parco condizioni migliori per i residenti e gli agricoltori, i quali hanno subito una vera e propria aggressione negli ultimi anni, dovuta all’incontrollato proliferare di questi animali».

«Le scelte della Giunta Regionale – proseguono i due assessori – stanno dimostrando la loro validità. Grazie a una delibera approvata il marzo scorso, ad esempio, è stato possibile assumere nuovamente gli operai della squadra faunistica, raddoppiandone i componenti e ottenendo il netto incremento di prelievi sin da aprile. Un risultato dovuto anche all’attività dei selecontrollori che, completati i corsi, hanno aumentato le loro uscite sino a quattro alla settimana». Intanto però continuano gli avvistamenti di cinghiali, segnalati anche nei giorni scorsi in diverse località dei Colli Euganei.

Salva Articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteCompra una PlayStation su Internet, truffato
Prossimo articoloPfas, i genitori dai carabinieri del Noe
Davide Permunian
Vicentino di nascita, atestino di adozione. Classe 1993, scrivo regolarmente da quando ho 11 anni e ho collaborato a diversi progetti giornalistici. Appassionato di politica, sport, paesaggi e romanzi gialli. Mi piace scoprire nuove storie e raccontarle, portando alla luce le tante sfumature della realtà.

Lascia un commento