Cigno in fuga atterra sul Bisatto, recuperato dagli operai comunali

Il volatile che nuota nel laghetto del parco Buzzaccarini, spaventato da un cane, era fuggito planando sulle acque del canale. Ora è tornato a casa

596
(Gli operai alle prese con il “salvataggio” del volatile)

MONSELICE. Vola oltre il muro di cinta per scappare da un cane e plana sulle acque del Bisatto, ma viene “ripescato” dagli operai comunali e riportato a casa sano e salvo. Protagonista ieri mattina il cigno femmina che nuota nel laghetto del Parco Buzzaccarini. A raccontare l’episodio Manuel Favaro, volontario del parco: «Il cane era sfuggito al controllo del padrone e il cigno, spaventato, è volato via, atterrando nel canale a qualche centinaio di metri di distanza. Appena mi hanno avvisato dell’accaduto sono corso a vedere e ho allertato la polizia locale». A recuperare il volatile ci hanno pensato gli operai comunali, che sono riusciti a farlo avvicinare offrendogli alcune briciole di pane e poi lo hanno trascinato a riva con l’ausilio di una rete. La coppia di cigni, simbolo del Parco, ha così potuto riunirsi.

Salva Articolo

Lascia un commento