Cartura: sparò all’ex collaboratore, patteggia a 5 anni di reclusione

310
(Foto di repertorio, fonte: storieriflessioni.blogspot.com)
(Foto di repertorio, fonte: storieriflessioni.blogspot.com)

Ha patteggiato a 5 anni di reclusione e 30 mila euro di risarcimento Davide Baratto, il 32enne di Cartura titolare della ditta termoidraulica “D.B. Tecnoimpianti”, accusato di tentato omicidio dopo che lo scorso 23 marzo aveva sparato alla nuca di un suo ex collaboratore, Uber Marignati, 37 anni, sempre di Cartura.

La vicenda è nota: Marignati si era presentato a casa di Buratto, in via San Pietro Viminario, per sollecitare il pagamento di alcuni stipendi arretrati. Il 32enne aveva perso il controllo e aveva sparato da meno di un metro al conoscente con un vecchio revolver Rast & Gasser calibro 8 risalente a fine ottocento, un cimelio di famiglia. Marignati era stato salvato per miracolo in clinica neurochiurgica a Padova, con i chirurghi che gli avevano estratto la pallottola dalla nuca.

Salva Articolo

Lascia un commento