Candiana, la macchina dei soccorsi presentata a bambini e ragazzi

Simulazione di una scossa di terremoto e di un incidente in piazza. Così la Protezione Civile ha spiegato ai ragazzi come si opera in caso d'emergenza

687

CANDIANA. Alunni fuori dalle scuole, sirene e mezzi di soccorso accorsi in piazza e Protezione Civile in fermento. E’ questa la scena alla quale, questa mattina, hanno potuto assistere i cittadini di Candiana. Il tutto rientrava nella prova di evacuazione promossa dalla locale sede di Protezione Civile con l’aiuto dei colleghi di Agna, Tribano, Conselve e Terrassa, oltre che della Croce Rossa, dei Vigili del Fuoco, del Gruppo Cinofili di Cavarzere e i nonni vigile del luogo.

L’inizio dell’esercitazione è conciso con l’evacuazione delle scuole primaria e secondaria di primo grado seguendo le procedure da attuare in caso di scossa di terremoto; all’interno delle strutture sono entrati i vigili del fuoco e i volontari della Protezione Civile che si sono messi alla ricerca degli alunni dispersi. La situazione è stata risolta anche grazie al prezioso contributo dei cani appositamente addestrati per aiutare l’uomo in situazioni emergenziali. Radunate le scolaresche, si è proceduto alla simulazione di un incidente e dei soccorsi che vengono prestati alla vittima del sinistro. A ricoprire il ruolo della conducente ferita è stato il sindaco di Candiana, Chiara Brazzo, tratta in salvo dalla Croce Rossa giunta sul posto, assieme ai Vigili del fuoco, a sirene spiegate dopo la richiesta di soccorso effettuata da un ragazzo delle scuole medie.

«Fare questa esperienza mi ha messo un  po’ d’ansia – racconta la prima cittadina alla fine dell’esercitazione – ma l’arrivo dei soccorritori che mi chiedevano come stessi mi ha tranquillizzato. Da questo episodio scaturisce una raccomandazione: quando si è per strada bisogna sempre rispettare tutte le indicazioni!La mattinata è proseguita con la proiezione di un piccolo filmato riguardante l’attività della Protezione civile e le prime regole da attuare in caso di situazioni di emergenza come un sisma, un’alluvione o un incendio. A seguire, gli alunni sono stati divisi in gruppo per vedere da vicino l’addestramento dei cani da soccorso, le attrezzature utilizzate durante le calamità, uno spegnimento d’incendio e le tecniche della Croce Rossa. «Sono orgogliosa di aver visto tutti i gruppi del distretto collaborare assieme – conclude il sindaco Brazzo – ed è stato molto bello anche l’integrazione in questa attività dei nonni vigile di Candiana».

Un sabato di esercitazione e informazione per coltivare nei più piccoli la consapevolezza della macchina dei soccorsi che si attiva durante le emergenze.

Salva Articolo

Lascia un commento