Bazar della droga, sgominata banda della Bassa Padovana

Avevano il monopolio dello spaccio nella Bassa Padovana: in manette quattro italiani

4168

PIOVE DI SACCO. Continua la caccia allo spaccio nella Bassa Padovana. Blitz dei carabinieri della stazione di Agna – in collaborazione con la Compagnia di Piove di Sacco – che hanno sgominato una banda di spacciatori, la quarta da ottobre ad oggi. Nella mattinata di venerdì, a termine di una lunga serie di servizi e pedinamenti, sono scattate le manette per quattro narcotrafficanti italiani a capo di un vero e proprio bazar della droga nel territorio della bassa padovana. Il monopolio di spaccio di sostanze stupefacenti, che ha cominciato a prendere forma nel 2012, si estendeva da Monselice, passando per Conselve, Tribano, Pernumia, San Pietro Viminario, Due Carrare, Pozzonovo per arrivare poi sino a Solesino.

L’inchiesta, avuta inizio nell’ottobre del 2016, è stata portata a galla dai militari dell’Arma che, a seguito di vari servizi antidroga svolti nel padovano, hanno individuato la banda originaria di San Pietro Viminario e Solesino. Cocaina, eroina, hashish, marijuana, metanfetamina e ketamina: il mercato dei pusher solesinesi era uno dei più floridi della Bassa Padovana.

Nonostante sia stata portata alla luce una delle reti di narcotraffici più intensa degli ultimi anni, le indagini dei carabinieri di Agna e Piove di Sacco continuano senza sosta.

Salva Articolo

Lascia un commento